Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Dove andare e cosa vedere a Hoi An

Una rilassante camminata nel centro storico passa in rassegna i numerosi tesori dell'architettura di Hoi An, gemme la cui bellezza è enfatizzata dall'unità e armonia del tessuto urbano, rimasto pressoché intatto e oggetto di un raro sforzo di preservazione e tutela. Il visitatore più attento saprà riconoscere le notevoli influenze straniere, particolarmente quella cinese. Chiunque sarà piacevolmente avviluppato dall'atmosfera placida e armoniosa della cittadina.

Il centro storico con le sue attrazioni culturali e turistiche si trova a nord del fiume Thu Bon. A sud si trovano quartieri residenziali presso i quali è possibile scoprire lo stile di vita vietnamita.

Numerosi sono i templi, le pagode e le dimore di grande pregio artistico. Il centro storico è raccolto e la visita è piacevole e per nulla faticosa. Ovunque ci sono botteghe artigianali presso cui indugiare alla ricerca di prodotti della tradizione vietnamita: dagli abiti sartoriali, alla scultura fino alle iconiche lampade vietnamite. Nonostante il notevole afflusso turistico, la pressione economica non ha finora stravolto l'anima della città.

E' possibile vedere il meglio di Hoi An in due giorni e c'è chi si trattiene un solo giorno. Il nostro consiglio è quello di trascorrervi almeno tre giorni.

A nord della cittadina si trovano ampie spiagge ben tenute e pulite. Non mancano strutture balneari di buon livello presso cui trovare ristoro e rilassarsi.

 

Hoi An, una casa tradizionale vietnamita
Una casa tradizionale a Hoi An

 

Centro storico di Hoi An

Il centro storico di Hoi An è un dedalo di viottoli lungo i quali si allineano case e botteghe in stile tradizionale, curate e conservate con gran cura. Il paesaggio urbano è stato protetto con discreto successo dagli effetti nefasti delle forti spinte economiche gravitanti attorno al turismo. Nessun grattacielo in cemento rovina gli scorci della città che diventano particolarmente suggestivi al tramonto e alla sera alla luce delle lampade tradizionali. Tuttavia la conversione alla funzione turistica di molte botteghe e ristoranti ha talora compromesso l'autenticità della vita sociale ed economica della città.

Uno dei più noti simboli di Hoi An è il Ponte Giapponese, un grazioso ponticello coperto costruito nel XVII secolo agli inizi del Periodo Edo dalla attiva comunità giapponese locale. Si trova all'estremità ovest della via Tran Phu. All'interno del ponte sono collocati dei piccoli santuari dedicati al culto di numerose divinità.

Proseguendo lungo la via Tran Phu, all'incrocio con via Nguyen Hue si incontra il piccolo Tempio di Quan Cong, monumento dedicato alla venerazione dell'omonimo generale cinese e delle virtù da questi incarnate, sincerità, fedeltà e equanimità. A pochi passi si trova la Pagoda della Signora, dedicata al Bodhisattva Quan Am.

Cosa vedere in Vietnam: Hoi An, il Ponte Giapponese
Hoi An, il Ponte Giapponese

 

Molto interessanti sono le dimore tradizionali. Visitabili sono la casa Phung Hung, la casa Quan Thang e la casa Tan Ky. Ognuna di esse declina in maniera varia e originale gli elementi centrali dell'architettura di Hoi An.

 

Hoi An, lanterne tradizionali
Hoi An, lanterne

 Centro storicoHoi AnRistorante vietnamitaVia Tran PhuHoi AnDove viaggiare in Vietnam: Hoi An

 

Ancora lungo la via Tran Phu si incontrano altre eminenti testimonianze dell'architettura cinese, le sontuose sale delle adunanze dove si concentrava la vita sociale delle diverse comunità siniche. Tra di esse spiccano la Hoi Quan Phuc Kien, appartenuta alla comunità del Fujian, e la Hoi Quan Quang Trieu, appartenuta alla comunità cantonese. Entrambi i complessi architettonici esibiscono elaborati apparati iconografici di grande pregio. Il gruppo delle cinque sale delle adunanze è completato dalle sale di Duong Thuong, Zhao Zhao e Hainan).

 

Cosa vedere in Vietnam: Hoi AnDa vedere in Vietnam: Hoi AnAttrazioni a Hoi AnCentro storico di Hoi AnCosa vedere a Hoi An, lungofiumeDa vedere in Vietnam: il lungofiume di Hoi AnHoi An, lungofiumeHoi AnAntica Hoi AnFiume attraverso Hoi An

Viaggio a Hoi AnDa vedere a Hoi AnAttrazioni a Hoi AnCosa vedere in Vietnam: Hoi AnHoi AnCentro di Hoi AnVietnam: Hoi AnVisita a Hoi AnHoi An, mercatoHoi An

Hoi AnLuoghi di interesse a Hoi AnHoi An, architettura cineseHoi AnDove andare a Hoi AnHoi AnVisitare Hoi AnCosa vedere a Hoi AnHoi An, via Tran PhuScoprire Hoi An

 

Spiagge a Hoi An e dintorni

Hoi An non offre solo incantevoli scorci di bellezza architettonica ma anche meravigliose spiagge dove rilassarsi e gustare frutta esotica e specialità di mare.

 

Spiaggia di An Bang
Hoi An, spiaggia di An Bang

Cua Dai

La bella spiaggia di Cua Dai (Cửa Đại) si trova a nord di Hoi An, a meno di 5 km dal centro cittadino. Rappresenta l'opzione più comoda per chi vuole trascorrere alcune ore in spiaggia a fare il bagno, prendere il sole e rilassarsi senza affrontare spostamenti troppo lunghi. Si tratta di una lunga striscia di sabbia bianca e fine prospiciente bassi fondali dall'acqua cristallina. Dopo giornate intense spese a camminare per il centro di Hoi An, è piacevole trovare refrigerio e contemplare il tramonto a Cua Dai. Il tratto di spiaggia più vicino al centro di Hoi An, al termine della via Hai Ba Trung, è noto col nome di An Bang.

Sono presenti numerosi stabilimenti balneari in cui è possibile noleggiare lettini, ombrelloni e mangiare delle ottime specialità di mare. Non mancano strutture ricettive di alto livello.

Come arrivarci

Per arrivare a Cua Dai è possibile utilizzare la bicicletta, la moto o il taxi.

 

Isole Cham

A meno di 20 km a est di Hoi An si trova un piccolo arcipelago dalla vegetazione rigogliosa, le Isole Cham. L'isola più grande e l'unica abitata è Hon Lao (Hòn Lao). Vi cresce una folta foresta tropicale separata dal mare da spiagge di sabbia finissima e da imponenti formazioni rocciose.

I fondali sono una gioia per gli amanti delle immersioni ma si può godere delle isole semplicemente rilassandosi in riva al mare o pernottandovi.

Come arrivarci

Le isole sono raggiungibili con un traghetto oppure partecipando a escursioni organizzate. Il traghetto impiega circa 2 ore mentre a bordo di navi veloci la traversata dura poco più di mezz'ora.

L'accesso alle isole è subordinato alle condizioni meteorologiche ed è pressoché impossibile durante la stagione delle piogge (settembre-dicembre).

 

My Son
Santuario di My Son

 

Booking.com