Quali luoghi visitare, cosa vedere a Nikko

 

Area dei principali santuari e templi

Nelle immediate vicinanze della città di Nikko, a breve distanza l'uno dall'altro, sono situati molti beni di grande interesse storico, religioso e culturale tra cui il santuario Toshogu, il tempio Rinno-Ji, il santuario Futarasan-Jinja, la villa Tamozawa, già residenza estiva della Famiglia Imperiale e il giardino botanico dell'università di Tokyo.

 

Ponte Sacro, Shinkyo

Questo suggestivo ponte ad arco dall'acceso color vermiglio supera le rapide del fiume Daiyagawa fin dal 1636 ed è una delle icone più note del Giappone. L'ampia curvatura dell'arco ribassato sorretto da sottili pilastri in pietra crea l'effetto di un atto di slancio leggero e allo stesso tempo imperioso. Il ponte Shinkyo (神橋, Shinkyō) costituisce l'accesso fisico e spirituale all'area dei santuari, Sannai, ed era un tempo una via di accesso riservata allo shogun. La veduta che offre è particolarmente suggestiva in autunno quando il suo colore si sposa alle intense tonalità rosse e gialle degli alberi circostanti. L'accesso al ponte è soggetto a una piccola tariffa a supporto dell'opera di restauro da poco compiuta.

 

Tempio Rinno-Ji

Con il nome di tempio Rinno-Ji (輪王寺, Rinnō-Ji) si intende un complesso di 15 templi che costituiscono il cuore dell'architettura religiosa di Nikko. Fu fondato dal monaco Shodo Shonin che introdusse il Buddhismo a Nikko nell'VIII secolo ed è dedicato alle divinità delle montagne. Il tempio armonizza il culto shintoista e quello buddhista. Il tempio principale, il Sanbutsudo, ospita 3 imponenti statue che rappresentano le divinità delle montagne sotto forma di manifestazioni buddhiste. Il vicino giardino Shōyō-En offre scorci spettacolari specialmente in autunno quando le chiome degli aceri dal vivissimo color rosso si specchiano nel piccolo stagno.

Orario di apertura: 8:00-15:30

Ingresso: 400 yen

 

Santuario Toshogu

Il Toshogu (東照宮, Tōshōgū) è il luogo di sepoltura di Tokugawa Ieyasu, il primo shogun del periodo Edo (1603-1605). Il santuario, che comprende 42 edifici, si caratterizza per la sapiente collocazione di tutti i suoi elementi in un rapporto di perfetta continuità e armonia con l'ambiente. L'altra caratteristica immediatamente riconoscibile è la bellezza dell'apparato decorativo, insolitamente elaborato e sfarzoso. La sua edificazione, durata solo un anno e cinque mesi, richiese l'opera di decine di migliaia di artigiani che diedero vita ad autentici capolavori come lo Yōmei-Mon. Questo sontuoso portale, da molti ritenuti l'opera più stupefacente, è decorato con oltre 500 sculture dai brillanti colori che lo hanno reso noto anche col nome di Higurashi-Mon, portale del tramonto, poiché la sua bellezza può essere contemplata senza posa fino a che non cala la notte.

Orario di apertura: 8:00-16:00

Ingresso: 1300 yen

 

Santuario Futarasan

Il santuario Futarasan (二荒山神社, Futarasan Jinja) è il più importante santuario nella regione dedicato alla perpetuazione del culto delle montagne. I giapponesi hanno sempre venerato le montagne ritenendole sede delle divinità responsabili di molti fenomeni naturali (neve, pioggia, nuvole, tuoni, ecc.). Il santuario sorge a circa 200 m a ovest del Toshogu e comprende 23 edifici restaurati nel corso dei secoli con religiosa meticolosità. Custodisce due spade classificate come “tesori nazionali” e numerosi beni registrati come “importante patrimonio culturale”. Comprende anche il ponte Shinkyo, posto a 1 km dall'area degli edifici principali. Fu fondato nel 782 da Shodo Shonin, il monaco che introdusse il Buddhismo a Nikko.

Orario di apertura: 8:00-16:00

Ingresso: libero ad eccezione di un'area ristretta soggetta a una tariffa di 200 yen.

 

Come arrivarci da Nikko

In autobus

Dalle stazioni di Nikko si può raggiungere l'area dei templi e santuari, Sannai, prendendo gli autobus diretti a Okunikko e scendendo alla fermata di Shinkyo da cui l'area dista circa 10 minuti a piedi. Prendendo l'autobus della linea circolare Meguri occorre scendere alla fermata Omotesando e da qui proseguire a piedi per pochi minuti.

A piedi

L'area Sannai è a 2 km dalle stazioni ferroviarie ed è raggiungibile con una camminata agevole lungo la strada principale di Nikko in 30 minuti circa.

 

Area del Lago Chuzenji

L'origine di questo suggestivo specchio d'acqua risale all'eruzione del vulcano Nantai che creò un invaso in cui si sviluppò il lago. La circonferenza misura 25 km. Il lago divenne un'apprezzata destinazione per gli amanti della pesca da quando nell'era Meiji venne popolato di varie specie ittiche tra cui trote e salmoni.

Numerosi edifici storici vi sorgono attorno tra cui il santuario Futarasan Chugushi, il tempio Chuzenji e una villa precedentemente nella disponibilità dell'ambasciata d'Italia. Numerosi belvedere consentono di godere al meglio dello spettacolo dei colori autunnali. A 5 minuti a piedi dalla fermata dell'autobus Chuzenji Onsen si trova la spettacolare cascata Kegon. Un ascensore consente di raggiungere con comodità la sommità della cascata.

 

Approfondimenti

Itinerario di visita a Nikko di 1 giorno: dettagli e programma

 

Booking.com

Valutazione attuale: 5 / 5

Star ActiveStar ActiveStar ActiveStar ActiveStar Active