Tempio Tenryu-Ji (Kyoto): giardino con stagno
Tempio Tenryu-Ji (Kyoto)

 

Il Tenryu-Ji è uno dei più importanti templi storici di Kyoto. Ritenuto essere uno dei capolavori dell’architettura religiosa giapponese, il tempio è meta fissa di un itinerario di visita ad Arashiyama, area scenica di straordinaria bellezza.

Il Tenryu-Ji comprende eleganti architetture e grandi giardini. Nei pressi del Tenryu-Ji il celebre boschetto di bambù, luogo massimamente pittoresco.

 

Tenryu-Ji: breve descrizione

Il Tenryu-Ji (天龍寺) è uno dei Cinque grandi templi Zen di Kyoto. Fondato nel 1339, è uno dei capofila della Scuola del Buddhismo Rinzai.

La storia del tempio è legata alle vicende politiche nazionali e testimonia del grande mecenatismo dell’aristocrazia giapponese.

Il giardino paesaggistico è uno dei capolavori del Tenryu-Ji nonché una delle opere più significative di questo raffinato genere artistico.

Il nome (“tempio del drago in cielo”) venne conferito al tempio da Ashikaga Tadayoshi, che aveva visto in sogno un drago dorato spiccare il volo verso il cielo dal fiume che attraversa Arashiyama.

Il Tenryu-Ji custodisce un antico dipinto, considerato opera d’arte eccelsa.

Il tempio è aperto ai praticanti della fede buddhista, che qui possono praticare la meditazione e la copiatura dei sutra.

 

Cenni storici

Tachibana-no-Kachiko, imperatrice fattasi suora dopo la morte del marito, l’imperatore Saga, fondò un tempio, il Danrin-Ji. L’imperatrice invitò un monaco cinese, noto in Giappone col nome di Giku Zenshi, che fece del Danrin-Ji il primo tempio Zen della nazione. Questo occupava il sito dell’odierno Tenryu-Ji. Dopo un periodo di forte declino, il tempio cadde in disgrazia e l’area venne riutilizzata per l’edificazione di una villa imperiale, che prese il nome dalla vicina collina di Kameyama (“monte della tartaruga”).

In Epoca Muromachi uno shogun, Ashikaga Takauji decise di restituire l’area alla funzione religiosa e fondò l’attuale Tenryu-Ji. Nel corso di secoli il Tenryu-Ji divenne un grande complesso templare composto di oltre 150 templi ausiliari. Seguì un periodo di declino progressivo che culminò in un disastroso incendio che ridusse in cenere gran parte del tempio. L’attuale Ho-Jo risale al 1900. Il tempio occupa oggi un’area dieci volte inferiore alla sua massima estensione storica. Si tratta comunque ancora di un magnifico tesoro della cultura nazionale giapponese.

 

Tenryu-Ji: architetture all'ingresso; giardino secco
Tenryu-Ji, giardino secco all'ingresso

 

Architetture principali del Tenryu-Ji

Le belle architetture del Tenryu-Ji trovano perfetto coronamento nel contesto naturale dei dintorni, uno scenario in cui la mano di uno dei più insigni maestri del giardino ha saputo compiere interventi perfetti in quanto appena visibili, in cui l’artificiale è perfettamente naturale. Si tratta essenzialmente dello shakkei, la tecnica della presa in prestito degli sfondi naturali, che vengono incorporati in perfetta armonia negli scenari artificiali creati dai giardini paesaggistici.

 

Suibokuga

Nella Sala del Dharma (Hatto), dove vengono svolte le più importanti funzioni religiose, è un antico dipinto che ritrae un drago che emerge da fitte nuvole. Qualunque sia la posizione dell’osservatore, egli vede gli occhi del drago fissi a sé. Questo effetto, noto in giapponese con la dizione di happo-nirami, richiama la facoltà del drago protettore dei buddhismo di vedere la totalità dell’essere. L’opera risale al recente 1997. La Sala del Dharma è aperta solo durante i fine settimana, nei periodi di vacanza e in certi giorni in primavera e in autunno.

 

Giardino paesaggistico

Il giardino, fondato dal maestro Muso Soseki, è incentrato sullo stagno Sogen, dietro al quale sono i pendii di Arashiyama. La separazione tra naturale e artificiale non può essere avvertita dall’osservatore.

Gruppi di pietre rappresentano un noto sito scenico, cascate del Fiume Giallo cui è legata una bella leggenda. La narrazione vuole che una carpa che riesca a risalire le cascate si muta in un drago, evento simbolico dell’illuminazione buddhistica.

Bellissime le fioriture delle azalee e dei ciliegi. Magnifica la cornice dei colori dell’autunno.

 

Immagine del Bodhidharma

All’interno della sala principale di culto del Tenryu-Ji un’antica immagine del Bodhidharma, colui che portò la fede buddhista dall’India alla Cina. La sua pratica della meditazione venne codificata nello zen giapponese.

 

Consigli per la visita al Tenryu-Ji

La visita al tempio richiede non meno di un’ora. Particolarmente piacevole indugiare nel giardino e percorrere i sentieri che lo attraversano. Il percorso termina di solito con l’entrata ne viottolo che conduce al Boschetto di bambù di Sagano.

 

Tempio Tenryu-Ji (Kyoto): Taihoden
Tenryu-Ji; la visita al complesso si svolge percorrendo sentieri tortuosi che attraversano un grande giardino

 

Itinerari con visita al Tenryu-Ji

Il Tenryu-Ji è molto spesso il primo tempio di Arashiyama che si visita. Per itinerari di una giornata intera si è soliti esplorare anche i dintorni, il lungofiume, il Nonomiya-Jinja e il Parco di Kemayama.

 

Come raggiungere il Tenryu-Ji

Il Tenryu-Ji può essere raggiunto facilmente dal centro di Kyoto in treno. L’uso dell’autobus è indicato solo a chi proviene da quartieri periferici e a chi vuole includere tappe lungo la via.

 

In treno e in autobus

Arashiyama può essere raggiunta in treno viaggiando sulle linee delle Ferrovie Hankyu e delle Ferrovie Keifuku. Il Tenryu-Ji è a breve distanza dai due capolinea.

Dalla Stazione di Arashiyama (Ferrovie Keifuku) si raggiunge il Tenryu-Ji in meno di cinque minuti. Più lontana la Stazione di Saga-Arashiyama (gruppo JR), che dista un po’ più di un quarto d’ora a piedi. Tempi di percorrenza simili per chi proviene dalla terza stazione nell’area, la Stazione di Hankyu-Arashiyama.

Di fronte al tempio è la fermata Arashiyama-Tenryuji-mae, presso cui fermano gli autobus delle linee 11, 28 e 93.

Maggiori informazioni nella pagina seguente:

 

A piedi

Il Tenryu-Ji è il punto di partenza di interessanti itinerari ad Arashiyama. L’area può essere esplorata con piacevoli percorsi a piedi.

Possibile raggiungere il Tenryu-Ji anche dalla sponda meridionale del Fiume Hozu percorrendo il noto ponte Togetsu-Kyo.

 

Tenryu-Ji (Kyoto): giardino dei muschi
Tenryu-Ji, giardino dei muschi

 

Approfondimenti:

Viaggio a Kyoto:  Mete di interesse storico, culturale, artistico e religioso (a Higashiyama, Sakyo, Kita, Ukyo, Arashiyama, Kamigyo, Shimogyo, Nakagyo, Fushimi, Nishikyo, Yamashina)

Visitare Arashiyama (templi, santuari, giardini, parchi, architettura storica, luoghi di interesse paesaggistico; cosa fare; tracce di itinerari di diversa durata)

 

Visita guidata di Arashiyama e la foresta di bambù
Visita guidata del santuario Fushimi Inari-Taisha