Arashiyama è un'area nella periferia occidentale di Kyoto, a circa mezz'ora dal centro cittadino. Si distingue per lo splendore del paesaggio naturale in cui sono inseriti in perfetta armonia molti templi e santuari. Alcuni di questi brillano anche per importanza e rilevanza artistica e culturale.

Chi è stato in Cina potrà apprezzare i continui rimandi alle immagini dell'estetica cinese classica.

In una giornata intensa si può esplorare buona parte dell'area con la dovuta calma. Chi ha meno tempo può optare per un itinerario di mezza giornata, tuttavia non senza gravi e dolorose rinunzie.

 

Alcuni dei luoghi da visitare ad Arashiyama
Arashiyama in inverno (giardini del Tenryu-Ji, Boschetto di Sagano, Jojakko-Ji, Gio-Ji)

 

Indice

 

Luoghi da visitare, cosa vedere ad Arashiyama

Arashiyama (嵐山) è un connubio perfetto di bellezza paesaggistica e opera dell'uomo. La località divenne meta turistica per il viaggiatore colto fin dai tempi del Periodo Heian.

Tra i luoghi imperdibili segnaliamo il ponte Togetsukyo, i templi Tenryu-Ji, Daikaku-Ji, Gio-Ji e Jojakko-Ji, l'iconico boschetto di bambù vicino al Parco di Kemayama e la piccola casa storica Rakushisha.

 

Viaggio ad Arashiyama: percorso a piedi lungo il fiume
Fiume Hozu

 

Fiume Hozu e Ponte Togetsu-Kyo

Per il visitatore la prima immagine dell'armonia tra paesaggio naturale e culturale che è propria di Arashiyama viene spesso dallo scorcio che abbraccia il placido Fiume Hozu, l'aggraziato ponte Togetsu-Kyo che lo attraversa e le molli colline che si stagliano sull'orizzonte.

  

Tenryu-Ji

Il Tenryu-Ji è considerato uno dei cinque grandi templi zen di Kyoto. Di notevole importanza storica e culturale, è certamente una meta imperdibile di un viaggio ad Arashiyama.

Il complesso comprende numerosi edifici, alcuni dalle dimensioni ragguardevoli, immersi in magnifici giardini. All'ingresso è un grande giardino secco mentre più avanti si incontra un giardino con stagno centrale.

In quest'ultimo è possibile ammirare numerose specie vegetali di ogni genere, dai muschi agli arbusti. Presenti grandi alberi tra cui grandi ciliegi.

 

Cosa vedere nel Tenryu-Ji (Arashiyama): i giardini
Giardino con stagno del Tenryu-Ji

 

Di grande valore artistico il Taihoden, la cui copertura esibisce le delicate forme dello stile irimoya-zukuri, chiaro segno dell'influenza dell'architettura sacra cinese.

Dall'uscita si raggiunge con pochi passi il celebre boschetto di bambù di Arashiyama.

 

Luoghi da visitare ad Arashiyama: il tempio Tenryu-Ji
Tenryu-Ji; il Taihoden; la tenue luce invernale esalta la grazia delle coperture in stile irimoya-zukuri (xieshan), chiaro segno dell'influenza dell'architettura sacra cinese

 

Boschetto di bambù di Arashiyama

Superato il magnifico Taihoden, si esce dal tempio Tenryu-Ji muovendo verso settentrione. A sinistra si incontra il sentiero che si addentra nel celebre boschetto di bambù di Arashiyama (detto anche Bosco di bambù di Sagano).

Divenuto un'icona, è uno dei luoghi più fotografati di Kyoto ed è particolarmente amato dalle coppie di novelli sposi. Di questo bosco si trova una marea di foto. Queste possono sorprendere e incuriosire ma nessuna di esse sarà in grado di farvi immaginare i cambiamenti nella psiche che questo luogo cagiona.

Dalle folte fronde degli alti bambù filtra una luce tenue che induce un senso di mistero. Lo spettacolo è ancor più suggestivo quando il vento sollecita le piante. Il loro ondeggiare pare essere il respiro di una sola grande creatura. La luce piove dolcemente.

Il viottolo che si addentra nel bosco è bordato da staccionate ricoperte di paglia. Il loro colore si sposa perfettamente alle tonalità di verde del bosco.

Secondo noi è l'inverno il periodo più bello in cui vedere questo luogo. I colori della vegetazione in inverno hanno tonalità diafane, eteree, e in questo periodo ci sono pochi visitatori.

Questo luogo è da vedere di mattina presto, quando si ha la possibilità di ritrovarsi in completa solitudine.

 

Cosa vedere ad Arashiyama: il boschetto di bambù
Boschetto di bambù di Arashiyama

 

Parco di Kemayama

Dato l'ultimo sguardo al magico boschetto di bambù si è a un bivio. Voltando a sinistra si entra nel Parco di Kemayama. Poco visitato dai turisti stranieri, questo parco è un buon posto dove rilassarsi e ammirare il paesaggio circostante.

Vi crescono alberi di numerosi tipi, tra cui non pochi ciliegi che fioriscono tra fine marzo e metà aprile.

Presente anche un monumento a Zhou Enlai, che visitò Kyoto durante il suo periodo di studio in Giappone.

 

Cosa vedere ad Arashiyama: il Parco di Kemayama
Parco di Kemayama

 

Okouchi Sanso

La Okouchi Sanso è una villa signorile con un grande giardino. Appartenne a un noto attore cultore delle arti tradizionali. Da essa si gode di un eccellente panorama su Arashiyama e sul resto della città di Kyoto.

La residenza è stata progettata con attenzione a ogni dettaglio. Particolare cura è stata riposta nella concezione del giardino e dei percorsi che lo attraversano. Seguendo l'itinerario consigliato si comprende che il tortuoso andamento planoaltimetrico dei sentieri obbedisce a una precisa logica teatrale che svolge una vera e propria narrazione.

L'ambiente realizzato nel giardino è in costante rapporto dialogico con il più vasto paesaggio circostante su tutto il giro dell'orizzonte.

Alla fine della visita è possibile rilassarsi gustando un tè accompagnato da un piccolo dolce.

Provenendo dal Tenryu-Ji si trova l'ingresso della villa alla destra del bivio con cui termina il sentiero che attraversa il Boschetto di bambù di Arashiyama.

 

Viaggio ad Arashiyama: visita alla Okouchi Sansou
Viaggio ad Arashiyama: visita alla Okouchi Sansou
Okouchi Sansou

 

Stagno Ogura

Usciti dal Parco di Kemayama e superata la linea ferroviaria la veduta si apre su un piccolo stagno. Sulla destra prosegue il sentiero che conduce al tempio Jojakko-Ji. Sulla sinistra si intravede un piccolo santuario scintoista, il Mikami-Jinja.

 

Itinerario ad Arashiiyama: Stagno Okura-Ike
Stagno Ogura-Ike

 

Luoghi da visitare ad Arashiyama: il tempio Jojakko-Ji
Jojakko-Ji, ingresso

 

Jojakko-Ji

Il Jojakko-Ji è certamente uno dei templi più interessanti di Arashiyama, sia per la bellezza del paesaggio in cui è immerso sia per la varietà e l'eleganza degli edifici del complesso.

Tra le opere cui dedicare particolare attenzione menzioniamo il portale Niomon, il Kondo, la Pagoda Tahoto e il Santuario dei Poeti Immortali.

Durante l'autunno gli aceri danno vita a uno straordinario spettacolo di colori..

I giardini del tempio sono incantevoli anche durante la stagione delle piogge (quando i muschi esibiscono tonalità di verde intensissime) in primavera (quando fioriscono i ciliegi e gli aceri mettono le nuove foglie) e in inverno (quando ci si trova spesso in completa solitudine).

 

Luoghi da visitare ad Arashiyama: il tempio Jojakko-Ji
Jojakko-Ji, il Santuario dei Poeti Immortali, in inverno

 

Rakushisha

La minuscola Rakushisha fu il ritiro del poeta Mukai Kyorai, illustre discepolo di Matsuo Basho, da questi considerato il successore della sua opera nel Giappone Occidentale.

La piccola dimora era già segnalata come meta da visitare nell'antica mappa Shui Miyako Meisho Tsue.

Nelle piccoli ambienti, semplici ma non disadorni, si avverte la nobiltà di spirito di chi per lunghi anni ne fece la dimensione della propria esistenza e attività contemplativa.

Il nome della casa risale a un aneddoto che potrebbe ben figurare tra una raccolta di storie zen. Si dice che un anno nel giardino gli alberi di caco erano carichi di frutti. Il poeta pensava di venderli ma una sera un forte vento spogliò gli alberi. Mukai Kyorai fu illuminato da quest'esperienza e da allora chiamò il suo ritiro “la casa dei cachi caduti”.

 

Luoghi da visitare ad Arashiyama: Rakushisha
Rakushisha
Cosa vedere a Kyoto: il giardino e gli interni della Rakushisha
Rakushisha; il giardino e gli ambienti

 

Nison-In

Il Nison-In è un grande tempio dalla notevole importanza storica. Fu tra i centri di insegnamento del buddhismo più prestigiosi dell'area e godette del supporto diretto della famiglia imperiale. Numerosi imperatori ricevettero la propria formazione buddhista in questo tempio.

Gli edifici che si possono ammirare oggi risalgono al 1521. La Sala principale di culto, l'ingresso principale, il Santuario Hachisha-no-miya e il Mausoleo di Tanku sono designati quali Importanti Beni Culturali del Giappone

Magnifico nei colori dell'autunno il viale Momiji-no-baba. In primavera si possono ammirare le fioriture dei ciliegi della varietà fugenzo.

 

Luoghi da visitare ad Arashiyama: il tempio Nison-In
Tempio Nison-In, ingresso

 

Gio-Ji

Un luogo tanto piccolo quanto emozionante il Gio-Ji. Nella cornice di un fitto bosco dai colori intensissimi che pare celarlo e proteggerlo, il piccolo tempio ispira un profondo senso di intimità.

Il luogo nacque quale ritiro spirituale di una donna che perse il favore dell'amato e che per tale ragione scelse la via dell'eremo. La sua storia è raccontata nello Heike Monogatari.

Il modesto edificio dall'aspetto rustico è al centro di un giardino di muschi da cui si levano antichi alberi. Piacevole la contemplazione del paesaggio attraverso la piccola finestra circolare (Yoshinomado).

A chi piace il Boschetto di bambù di Arashiyama questo luogo piacerà forse ancor di più. Le tonalità di verde che dominano le vedute lasciano senza fiato per la loro intensità.

 

Luoghi da visitare, cosa vedere ad Arashiyama: il Gio-Ji e il suo giardino
Gio-Ji, in primavera
Un giorno ad Arashiyama; visita al Gio-Ji
Gio-Ji, inverno

 

Adashino Nembutsu-Ji

Laddove termina l'abitato di case in stile tradizionale è l'ingresso al tempio Adashino Nembutsu-Ji. Il luogo di culto nacque nel sito di un cimitero, su iniziativa di Kobo Daishi (Kukai), colui che fondò i templi nel Monte Koya.

Al centro del tempio è un gran numero di statue in pietra dedicate alle anime dei defunti. Una semplice pagoda si erge tra esse con solennità. Presente un grande stupa.

La visita al tempio non trascuri il grazioso boschetto di bambù.

 

Templi storici ad Arashiyama: Adashino-Nembutsu-Ji
Adashino-Nembutsu-Ji, ingresso

 

Via storica Saga-Toriimoto

Tra i templi Adashino Nembutsu-Ji e Otagi Nembutsu-Ji si viene a percorrere una stretta via lungo la quale si incontrano le delicate forme dell'architettura vernacolare.

Molte delle case sono ancora abitate e solo una minima parte è stata riconvertita a fini turistici.

 

Architettura storica ad Arashiyama: Via Saga-Toriimoto
Dove passeggiare ad Arashiyama: Via Saga-Toriimoto
Via Saga-Toriimoto

 

Otagi Nembutsu-Ji

Il tempio venne edificato originariamente a Higashiyama per ordine dell'imperatore Shotoku nell'anno 766, nel Periodo di Nara.

Distrutto a causa di uno straripamento del fiume Kamo il tempio fu ricostruito su iniziativa del monaco Senkan Naigu, che scolpì anche la statua di Kannon, immagine che desta la più fervida devozione.

Trasferito nell'area di Saga, subì nuovamente distruzioni che hanno richiesto un meticoloso lavoro di restauro fino ai pochi decenni fa.

Il tempio è noto per le centinaia di statue dei Rakan, figure che rappresentano i discepoli del Buddha. Le piccole sculture in pietra, realizzate dai fedeli, hanno espressioni diverse, spesso alquanto bizzarre e umoristiche.

 

Templi storici ad Arashiyama: Otagi-Nembutsu-Ji
Otagi Nembutsu-Ji, ingresso

 

Daikaku-Ji

Il Daikaku-Ji è uno dei templi più antichi di Kyoto. Venne fondato agli inizi del Periodo Heian in quella che era una residenza imperiale.

E' all'imperatore Saga, fervente cultore delle arti, che si devono i capolavori ospitati nel tempio.

La visita al complesso avviene lungo un percorso su corridoi in legno dai quali si ha modo di apprezzare le notevoli differenze negli stili architettonici degli edifici. Tra di essi meritano particolare attenzione lo Shinden, il Miedo, lo Shoshinden e il Godaido.

I pavimenti uguisu-bari emettono un suono simile al cinguettio di un usignolo quando vengono calpestati, ciò che valeva come misura di sicurezza utile a svelare la presenza di estranei.

Il tempio oggi afferisce al Buddhismo Shingon, la scuola fondata da Kukai.

 

Luoghi da visitare ad Arashiyama: il Daikaku-Ji
Daikaku-Ji, ingresso

 

Stagno Osawa

Ritenuto essere il più antico giardino attorno a uno stagno artificiale, lo Osawa-no-Ike si trova a est del complesso principale del Daikaku-Ji.

Lo stagno ha una circonferenza di circa un chilometro ed è circondato da boschi. Il paesaggio venne creato dall'imperatore Saga sul modello del Lago DongTing, scenario mitico della Cina, divenuto tema ricorrente nelle opere d'arte dei paesi dell'Estremo Oriente.

 

Cosa vedere a Kyoto: lo stagno Osawa-no-Ike e i suoi dintorni
Osawa-no-Ike, un albero avvolto da una shimenawa nei dintorni dello stagno, in inverno
Cosa vedere ad Arashiyama: l'Osawa-no-Ike
Osawa-no-Ike

 

Ferrovia Romantica (Torokko)

Tra Arashiyama e la città di Kameoka corre la linea della Ferrovia Romantica. I treni percorrono il breve percorso (solo 7 km) in meno di 30 minuti. La bassa velocità (25 km/h) dà modo al viaggiatore di apprezzare con calma l'ameno paesaggio circostante. La linea corre per lunghi tratti accanto al fiume Hozu.

La Stazione di Torokko-Saga della Ferrovia Romantica si trova a brevissima distanza dal Boschetto di bambù di Arashiyama.

Il ritorno ad Arashiyama può avvenire idealmente con una crociera lungo il fiume Hozu.

 

Gita in barca tra Kameoka e Arashiyama

A circa 10 minuti a piedi dalla Stazione di Kameoka della rete JR e a 15 minuti di cammino dalla Stazione di Torokko-Kameoka si trova il molo da cui partono le barche che percorrono il fiume Hozu fino ad Arashiyama.

La piacevole crociera dura circa 2 ore ed è un modo eccellente per godere del paesaggio dell'area in maniera rilassante. Il viaggio è particolarmente bello in autunno quando gli aceri virano al rosso.

A Kameoka è possibile vedere un magnifico parco pieno di ciliegi.

Indice

 

Quando andare ad Arashiyama

Potrebbe sembrare un'affermazione semplicistica ma non c'è un periodo migliore per la visita ad Arashiyama. Ogni stagione porta piacevoli cambiamenti al paesaggio.

Belli la quiete dell'inverno, le fioriture della primavera, i colori della vegetazione nei giorni di pioggia estivi e le calde tonalità di rosso e giallo nel tramonto autunnale.

 

Quando andare ad Arashiyama: primavera e inverno; Horin-Ji
Tempio Horin-Ji, in primavera e inverno

 

Come raggiungere Arashiyama

Il treno offre indubbiamente il modo più pratico e veloce di raggiungere la città ma in alcuni casi, soprattutto quando ci si spinge nelle zone più decentrate dell'area, può essere conveniente anche muoversi in autobus.

 

In treno

Arashiyama è servita da tre stazioni servite da altrettante linee.

 

Linea JR Sagano

La Stazione di Saga-Arashiyama è situata sulla linea Sagano della rete JR. La stazione si trova in posizione leggermente decentrata rispetto all'area di maggiore interesse turistico. Il Tenryu-Ji e il Togetsu-Kyo distano dalla stazione 10-15 minuti a piedi.

Per l'alta frequenza e il basso costo delle corse la linea JR offre la soluzione in generale migliore e senz'altro la prima da prendere in considerazione.

Il viaggio tra la Stazione di Kyoto e la Stazione di Saga-Arashiyama dura circa 15 minuti e ha un costo di 240 yen (coperto dagli abbonamenti JRP).

 

Linea Hankyu

La Stazione di Hankyu-Arashiyama è servita dalla linea della società Hankyu. L'arrivo in questa stazione è un'ipotesi da prendere in considerazione quando si proviene da Osaka, dal centro di Kyoto (nei dintorni della Stazione di Kawaramachi) o quando si visita l'area sudoccidentale di Kyoto (ad esempio quando si compie un itinerario con tappe presso la Villa di Katsura o il tempio Kokedera).

L'arrivo in questa stazione è bello in primavera quando il piccolo bosco di ciliegi vicino è in fiore.

Il viaggio tra la Stazione di Kawaramachi e la Stazione di Hankyu-Arashiyama richiede un cambio di treno presso la Stazione di Katsura, dura circa 25 minuti e ha un costo di 220 yen.

 

Come arrivare ad Arashiyama: linea Hankyu; Stazione Hankyu-Arashiyama
Stazione Hankyu-Arashiyama

 

Linea Randen

La linea della società Randen offre una soluzione rapida ed economica per muoversi tra Kita e Ukyo (le aree dove si trovano importanti templi come il Kinkaku-Ji, il Ryoan-Ji e il Ninna-Ji) e Arashiyama.

Il viaggio tra la Stazione di Kitanohakubaicho e la Stazione di Arashiyama della linea Randen dura circa 20 minuti e ha un costo di 210 yen.

La stazione è a pochi passi dal Tenryu-Ji.

 

In autobus

Il treno è solitamente da preferire, se non altro per la rapidità dei collegamenti. L'autobus è una soluzione valida quando si vuole tornare nel centro di Kyoto a partire dal tempio Daikaku-Ji, alquanto lontano dalle stazioni ferroviarie di Arashiyama.

Indice

 

Come muoversi ad Arashiyama

Certamente camminare è il modo migliore, e a volte l'unico possibile, per visitare Arashiyama. Le distanze in gioco non sono tuttavia trascurabili ed è quindi necessario averne contezza. Da non ignorare anche il fatto che i percorsi sono a volte in salita.

Il ponte Togetsu-Kyo, il Tenryu-Ji, il Boschetto di bambù e il Jojakko-Ji sono piuttosto vicini tra loro. Spingersi fino ai templi Adashino Nembutsu-Ji e Otagi Nembutsu-Ji richiede del tempo e va preso in considerazione solo per itinerari di visita di almeno 6-7 ore.

Il Daikaku-Ji è alquanto lontano dal nucleo di Arashiyama (dista 15-20 minuti a piedi dal Togetsu-Kyo).

E' piuttosto facile trovare dei taxi in zona che, viste le distanze in gioco, non risultano troppo costosi e offrono quindi una soluzione ideale per piccoli gruppi.

Molto popolare (ma più costoso del taxi) fare dei brevi percorsi a bordo di un risciò.

 

Itinerari di visita ad Arashiyama

Di seguito diamo tracce di itinerari di visita di diversa durata. Consigliamo di dedicare all'area almeno 6-7 ore, il che lascia la libertà di aggiungere una meta aggiuntiva in un'altra area della città, che per ragioni pratiche, è tipicamente il Castello di Nijo o il Fushimi Inari Taisha.

 

Itinerari ad Arashiyama

Durata

Tappe (durata delle visite, in minuti)

4 ore

Togetsu-Kyo e lungofiume (30) - Tenryu-Ji (45) - Boschetto di bambù, Parco di Kemayama (30) - Jojakko-Ji (30)

6 ore

dal Togetsu-Kyo al Gio-Ji 

8 ore

dal Togetsu-Kyo all'Otagi Nembutsu-Ji oppure fino al Daikaku-Ji

1 giorno e mezzo o 2 giorni

Tutti i luoghi menzionati in questa pagina

  

Dove alloggiare ad Arashiyama

Considerando la bellezza del luogo e la possibilità di compiere un'escursione nella vicina Kameoka, alloggiare ad Arashiyama è certamente una scelta sensata e di certa soddisfazione.

Non sono in pochi invero a passare almeno una notte ad Arashiyama.

Nella località si trovano strutture ricettive di ogni genere, solitamente più costose di quanto si possa trovare nel centro di Kyoto.

Si va da semplici ostelli ad alcuni dei ryokan più eleganti e costosi della città. Molti di essi si trovano a breve distanza dal fiume Hozu, in un contesto panoramico molto suggestivo.

 

Approfondimenti:

Viaggio a Kyoto:  Mete di interesse storico, culturale, artistico e religioso (a Higashiyama, Sakyo, Kita, Ukyo, Arashiyama, Kamigyo, Shimogyo, Nakagyo, Fushimi, Yamashina; come organizzare gli itinerari a seconda del periodo stagionale)

 

Booking.com

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive