Nara: lo Horyu-Ji, ingresso
Tempio Horyu-Ji, culla del buddhismo giapponese

 

Lo Horyu-Ji è uno dei più importanti e antichi templi del Giappone. Risalente al Periodo Asuka, custodisce quelli che vengono considerati gli edifici in legno più antichi al mondo.

Nel vasto complesso templare, da visitare possibilmente nell’ambito di un’escursione guidata, si possono ammirare opere di notevole importanza religiosa, storica e artistica. Il tempio ha sempre goduto della protezione della Famiglia Imperiale ed è oggetto di una devozione popolare molto intensa.

Lo Horyu-Ji può essere facilmente raggiunto da Nara in treno o autobus. Molto comodo includerlo quale meta del trasferimento in treno tra Osaka e Nara.

 

Tempio Horyu-Ji: cenni storici

Buona parte dei templi e santuari che si possono vedere in Giappone ha subito nei secoli notevoli distruzioni ma pronte ricostruzioni ne hanno perpetuato l’esistenza nel presente.

Alla luce di questa considerazione, lo Horyu-Ji (法隆寺, Hōryū-Ji), appare un caso assolutamente unico poiché oltre a essere uno dei templi storicamente più importanti del paese, è anche uno dei pochi in cui si possono ammirare le opere nella loro forma e struttura originaria.

Invero, lo Horyu-Ji comprende quelli che sono ritenuti essere tra gli edifici lignei più antichi del mondo. Oltre che per il loro valore architettonico e artistico intrinseco, queste opere svolgono un ruolo decisivo nel chiarire la storia della diffusione del Buddhismo in Giappone e i suoi rapporti con la Cina e la Corea, da cui questa filosofia religiosa venne introdotta nel Sol Levante.

Riferimenti sulla fondazione del tempio si trovano in documenti e iscrizioni. L’opera nacque per volontà dell’Imperatore Yomei. Costui morì prima di vedere il tempio venire alla luce ma le sue disposizioni vennero eseguite dalla moglie Imperatrice Suiko e dal figlio, il Principe Shotoku. Questi è venerato quale massimo artefice della propagazione del Buddhismo in Giappone.

Il luogo di culto in cui venne collocata una statua dello Yakushi Nyorai (Buddha della Medicina), venne denominato Tempio di Ikaruga o Horyu-Ji (“Tempio del Fiorire della Legge”).

Il Nihon Shoki (“Cronache del Giappone”) attesta che nell’anno 620 un incendio distrusse completamente il tempio. La circostanza è oggi messa in dubbio.

Lo Horyu-Ji oggi si compone di due complessi principali, il Saiin Garan (Complesso templare Occidentale), edificato attorno alla Pagoda a Cinque Ordini (Goju-no-To) e alla Sala Principale di Culto (Kondo), e il Toin Garan (Complesso templare Orientale), incentrato attorno al Padiglione delle Visioni (Yumedono). Questo dovette essere edificato sul sito che ospitava il Palazzo di Ikaruga, residenza del Principe Shotoku.

Presso il grande tempio sono custodite opere di arte sacra di inestimabile valore di ogni periodo della storia del Giappone a partire dall’introduzione del Buddhismo (VII secolo).

Il tempio ha sempre goduto della protezione della Famiglia Imperiale e di una venerazione popolare profonda e inscalfibile.

 

Breve descrizione delle principali architetture

Il tempio è in sé un museo che illustra l’evoluzione nei secoli dell’architettura buddhista giapponese. Originale e paradigmatica la disposizione degli edifici.

 

Nandaimon

Il portale meridionale (Nandaimon), accesso principale al tempio, risale al Periodo Marunouchi (inizio XIV secolo - fine XVII secolo). La solennità della struttura è enfatizzata dal lungo viale di accesso.

 

Chumon e Kairo

Attraverso il portale centrale (Chumon) si accede al cuore del Tempio Occidentale, laddove si trovano la Sala Principale di Culto e la Pagoda a Cinque Ordini.

L’area è circondata da un ampio portico (Kairo). Le falde delle coperture sono appoggiate su strutture di sopraffina eleganza sorrette da pilastri con entasi. Gli elementi danno chiara evidenza dell’influenza dell’architettura sacra cinese. Le opere risalgono al Periodo Asuka (metà del VI secolo - inizio del VIII secolo).

Le imponenti antiche statue dei guardiani protettori (Kongo Rikishi) risalgono al Periodo Nara.

 

Kondo

Risalente al Periodo Asuka è la Sala Principale di Culto (Kondo) del Tempio Occidentale. Questa custodisce rappresentazioni scultoree antiche risalenti a diversi periodi della storia del Giappone.

Al centro il gruppo principale delle statue della Triade di Sakyamuni, realizzazione del noto scultore Tori Busshi. Della stessa epoca (Periodo Asuka) la statua dello Yakushi Nyorai (Buddha della Medicina). Successiva, del Periodo Kamakura, la statua dello Amida Nyorai (Buddha della Terra Pura). Del Periodo Hakuho le rappresentazioni scultoree in legno di canfora degli Shitenno (Guardiani Celesti). Presenti anche statue di Kichijoten (Srimahadevi) e Bishamonten (Vaisravana).

Pitture murarie, restaurate meticolosamente in seguito a un disastroso incendio occorso nel 1949, ritraggono scene che illustrano la natura del paradiso buddhista.

 

Goju-no-To

In quanto luogo in cui sono serbate reliquie del Buddha, la pagoda, derivazione in Estremo Oriente dello stupa, è l’edificio più importante del tempio buddhista.

Risalente al Periodo Asuka, la Goju-no-To dello Horyu-Ji è la pagoda a cinque ordini più antica del Giappone. Al suo interno si trovano antiche statue in argilla.

 

Yumedono

Nel sito in cui sorgeva il Palazzo di Ikaruga il monaco Gyoshin Sozu nel 739 eresse in onore del Principe Shotoku il tempio Joguo-In. Al centro di quello che oggi è il Tempio Orientale è lo Yumedono, il Padiglione delle Visioni.

Al centro del tempio, circondata da altre figure, è la statua di Kuse Kannon, di cui il Principe Shotoku venne considerato essere la manifestazione. Questa ci è giunta nella sua forma originaria in ottime condizioni.

Lo Yumedono spicca per l’eleganza e la non comune forma ottagonale ed è il più antico degli edifici di questa tipologia. E’ circondato da un grande chiostro e dal Raido (Sala del Culto), che sorge laddove era il Chumon (porta di accesso principale al tempio).

 

Visita allo Horyu-Ji (Nara): il portale Todai-mon
Horyu-Ji, portale Todai-Mon; lo si attraversa muovendo tra il Tempio Occidentale e il Tempio Orientale

  

Informazioni pratiche

Indirizzo: Ikoma-gun, Ikaruga-cho, Horyuji Sannai 1-1

Orari di apertura: 8:00-16:30; tutti i giorni

Ingresso: 1.000 yen

 

Come raggiungere lo Horyu-Ji

Lo Horyu-Ji si trova a Ikaruga, un paese situato a breve distanza da Nara. Da questa può essere raggiunto in treno o autobus.

I treni che effettuano servizio tra la Stazione di Tennoji (a Osaka) e la Stazione di Nara passano dalla Stazione di Horyu-Ji.

Disponibili anche collegamenti in autobus tra il tempio, Nishinokyo e il centro di Nara.

 

In treno

Prendendo i frequenti treni della Linea Yamatoji, dalla Stazione di Nara JR si raggiunge la Stazione di Horyu-Ji in circa 15 minuti al prezzo di 220 yen.

Dalla stazione si arriva al tempio a piedi in 20 minuti circa o in 5 minuti di corsa in autobus al prezzo di 200 yen.

 

In autobus

Il viaggio in autobus è più lungo e costoso. Prendendo l'autobus della Linea 97 dalle stazioni ferroviarie si giunge alla fermata Horyuji-mae in un'ora circa al prezzo di 760 yen.

La corsa è coperta dall'abbonamento giornaliero esteso della compagnia Nara Kotsu (1.000 yen).

 

Articolo correlato

Luoghi da visitare, cosa vedere a Nara (luoghi di interesse storico, culturale e religioso nel Parco di Nara, a Nishinokyo e nei dintorni della città)