Centro di Vicenza: Chiesa di San Lorenzo
Vicenza, Chiesa di San Lorenzo, chiostro

 

Itinerari a Vicenza: presso Corso Palladio
Centro di Vicenza; Corso Palladio, Palazzo Schio

 

In questa pagina descriviamo per sommi capi un buon programma di visita a Vicenza compatibile con un breve soggiorno durante il fine settimana. Sono date indicazioni per un percorso classico nel centro storico e nell’area del Monte Berico. L’itinerario si concentra sulle mete di interesse culturale, storico e artistico.

In due giorni scarsi si ha modo di vedere solo una parte dei numerosi tesori di Vicenza ma ponendosi obiettivi realistici si può trarre grande beneficio e piacere anche da un soggiorno così breve.

 

 

Itinerario per un fine settimana a Vicenza

Vicenza è una città straordinariamente ricca d’arte e bellezza. Il centro storico, in gran parte ben conservato, è un vasto museo di architettura, notevole per varietà e importanza artistica.

Poche ma significative sono le tracce dell’epoca romana e medievale. Molto e ben rappresentati il gotico fiorito e il rinascimento. Vicenza spicca soprattutto per la scuola di architettura che diede della tradizione classica un’interpretazione moderna e originale. I magnifici frutti di questa corrente artistica sono stati di ispirazione per gli architetti di tutta l’Europa.

Tra palazzi nobiliari e vaste compagini di architettura minore nel centro di Vicenza si è costantemente immersi nel bello. La cornice paesaggistica aggiunge alle meraviglie dell’arte la fascinazione dell’armonia tra uomo e natura.

Trascorrere un solo fine settimana a Vicenza è una scelta infelice. Un qualunque programma di così breve durata non può che essere un primo passo nel viaggio di scoperta della città.

 

Cosa vedere assolutamente a Vicenza: i Giardini Salvi
Giardini Salvi

 

 

Venerdì: arrivo a Vicenza

Indipendentemente dalla modalità di viaggio scelta (sia treno, aereo, auto o corriera), arrivando a Vicenza nel tardo pomeriggio o sul tardi, si avrà sempre modo di iniziare con una piacevole passeggiata serale.

Il centro storico di Vicenza, che corrisponde all’area racchiusa dalle mura storiche, è un’area compatta, di dimensioni relativamente piccole, dove è piacevole camminare e perdersi in vie e viottoli, spesso pittoreschi e pieni di tracce del passato e segni della vita quotidiana degli abitanti.

Solo nelle vie principali, in particolare lungo il Corso Palladio, abbondano esercizi commerciali avulsi dalla storia e dall’identità della città, avanguardie di quel mondo nichilista che pretende di trasformare ogni luogo in un non luogo. Basta però svoltare in una laterale per sentirsi parte della città autentica. Qui sono anche dei buoni ristorantini dove si può fare esperienza della gastronomia locale.

Chi viaggia in treno o in autobus può prendere alloggio nelle vicinanze della stazione centrale oppure nel centro storico. Chi si muove in auto può ampliare l’ambito di scelta dell’albergo ad aree semi-centrali, fuori del centro storico.

 

Fine-settimana a Vicenza; mete imperdibili: Chiesa di Santa Corona
Chiesa di Santa Corona, frammento di un antico affresco

 

 

Sabato: itinerario nel centro storico

Un giorno intero è dedicato al centro storico di Vicenza. Qui sono pregevoli opere d’arte sacra e profana.

Un programma razionale, che ottimizza i tempi di spostamento, è il seguente:

  • Ufficio turistico di Vicenza, presso il Teatro Olimpico e Palazzo Chiericati. Qui si possono reperire mappe, opuscoli e si può comprare il biglietto turistico che dà diritto a visitare un gran numero di musei e luoghi di interesse a un costo ridotto;

  • Teatro Olimpico: magnifica celebrazione dell’equilibrio e dell’armonia dell’architettura classica;

  • Palazzo Chiericati: elegante edificio a ordini sovrapposti (ionico su dorico), ospita il Museo Civico, ricco di opere d’arte e reperti di vario genere (anche giocattoli d’epoca). Qui l’Immacolata Concezione di Giambattista Tiepolo e altre importanti pitture di insigni artisti;

  • Corso Palladio: la strada principale del centro, che si estende in direzione est-ovest. Lungo la via sono molti dei palazzi più belli di Vicenza;

  • Chiesa di Santa Corona: fortemente danneggiata dai bombardamenti indiscriminati dell'ultima guerra, chiesa custode di importanti affreschi;

  • Piazza dei Signori: la piazza principale di Vicenza, opera di eccelsa inventiva. Qui sono la Basilica Palladiana e la Loggia del Capitaniato;

  • Giardini Salvi: magnifica area verde abbellita dalla loggetta del Longhena. Nelle vicinanze il Torrione del Castello.

 

Cosa vedere nel centro di Vicenza: Palazzo Chiericati
Vicenza, Palazzo Chiericati, Museo Civico

 

Varianti

Da valutare anche la visita al Museo Diocesano e al Museo Palladium, dedicato al celebre architetto vicentino.

Da vedere anche la Chiesa di San Lorenzo.

 

Fine-settimana a Vicenza: itinerario nel centro della città
Il centro di Vicenza visto dal Monte Berico

 

Cosa vedere vicino a Vicenza: dintorni del Monte Berico
Vicenza, Monte Berico, la via dei portici verso il santuario mariano

 

 

Domenica: itinerario nell’area del Monte Berico

Il secondo e ultimo giorno è dedicato ai dintorni della città. La prima scelta riguarda l’area del Monte Berico dove si possono visitare La Rotonda, magnifica villa palladiana, un capolavoro di inventiva, e il Santuario di Monte Berico, testimonianza luminosa della devozione popolare. Ospita opere d’arte di pregio. Da qui si gode di una magnifica veduta su Vicenza e sul circondario.

Chi vuole esplorare i dintorni rurali può invece compiere un giro in auto nell’area dei Colli Berici.

Possibile anche visitare una o due ville palladiane nella regione. Tra le tante scelte possibili spicca Villa Barbaro (a Maser).

Meno consigliato, ma possibile, un itinerario in auto fino ad Asolo via Bassano del Grappa. Occorre comunque rammentare che visitare questi paesi richiede del tempo ed meglio dedicare a essi giornate piene e un soggiorno in loco.

 

Cosa vedere vicino a Vicenza: luoghi di interesse scenico, paesaggistico e culturale
Oltre alle sue straordinarie bellezze architettoniche e opere d'arte Vicenza offre una posizione unica per esplorare il Veneto centro-settentrionale. Per questa ragione conviene soggiornare a Vicenza per periodi non brevi

 

Soggiornare vicino a Vicenza: visita a Villa Barbaro (Maser)
Maser (Provincia di Treviso), Villa Barbaro

 

 

Come muoversi a Vicenza

Tutti gli spostamenti nell’area del centro storico possono avvenire a piedi. Sempre camminando ci si sposta tra la Stazione di Vicenza e il centro.

La rete di autobus municipali collega il centro ai quartieri semi-centrali e periferici. Occorre farne uso solo quando se si prende alloggio lontano dal centro.

 

 

Dove alloggiare a Vicenza

Affittacamere, appartamenti e alberghi di varie categorie sono nel centro e nelle sue immediate vicinanze. Le tariffe sono spesso buone, anche per le strutture di fascia alta.

Vale la pena considerare ubicazioni meno centrali solo se ci si muove in auto. Un buon posto fuori del centro ma a breve distanza da questo dove si trovano alberghi e affittacamere economici è il quartiere di San Bortolo.

Chi viaggia in auto e cerca la bellezza della campagna può spingersi nell’area dei Colli Berici oppure a nord, in campagna, verso Thiene e Schio.

 

Approfondimenti:

Come raggiungere Vicenza (soluzioni di viaggio in treno, autobus, auto e aereo)

Dove alloggiare a Vicenza (migliori ubicazioni in quartieri del centro e della periferia; strutture ricettive di diversa tipologia)