In tre giorni è possibile vedere una parte significativa delle principali attrazioni culturali e turistiche di Tokyo. Un programma ben studiato permette inoltre di esplorare brevemente alcuni dei quartieri più interessanti della città.

Di seguito proponiamo un itinerario adatto a chi visita Tokyo per la prima volta e desidera conoscere tanto i tesori artistici e culturali della città storica quanto il volto avveniristico della metropoli contemporanea.

E' consigliabile tenere in particolar conto la necessità di razionalizzare gli spostamenti. La capitale giapponese è immensa e prendere dimestichezza col sistema dei trasporti richiede del tempo. Per tale ragione è bene dedicare ogni giorno a un'area convenientemente ristretta della città.

 

 

Viaggio a Tokyo: mete imperdibili di interesse culturale, storico e turistico
Tokyo

 

Visita a Tokyo di 3 giorni: itinerario consigliato

Quello che descriviamo di seguito è un itinerario che spazia tra antico e moderno. Non sono prese in considerazione escursioni nei dintorni. E' un programma di facile organizzazione, anche per chi visita Tokyo per la prima volta.

 

Per brevità non diamo che descrizioni sintetiche delle singole mete. Dettagli nell'articolo principale:

Luoghi da visitare, cosa vedere a Tokyo (a Chiyoda, Chuo, Asakusa, Ueno, Yanaka, Bunkyo, Sumida, Shinjuku, Shibuya, Minato, Meguro)

 

Dove iniziare gli itinerari a Tokyo: la Stazione di Ueno (Ueno-Eki)
Stazione di Ueno

 

Primo giorno: Ueno, Asakusa, Ryogoku, Bunkyo o Akihabara

L'itinerario che segue è piuttosto intenso e adatto a persone dinamiche. Gli spostamenti sono molto semplici e di breve durata. Possibile quindi apportare modifiche molto facilmente.

 

Primo giorno a Tokyo; visita al Parco di Ueno, un'area ricca di luoghi di interesse storico e culturale
Parco di Ueno

 

Mattina

La visita a Tokyo può iniziare da Ueno. Il grande parco offre occasione per una passeggiata rilassante e piacevole. Nel sito si trovano vestigia del tempio Kanei-Ji. Particolarmente bello il Benten-Do, tempio a simmetria centrale al centro dell'area. Da visitare anche il Santuario Toshogu, che anticipa la bellezza dell'architettura sacra di Nikko.

A Ueno assolutamente imperdibile il Museo Nazionale di Tokyo, straordinaria collezione che introduce all'arte giapponese. Una visita breve ma non superficiale richiede non meno di 3 ore, da dedicare unicamente al plesso centrale. Non c'è quindi tempo per visitare gli altri musei del polo museale.

 

Opere nel Museo Nazionale di Tokyo
Museo Nazionale di Tokyo

 

Pomeriggio

Con la Linea Ginza ci si muove fino alla Stazione di Asakusa. Chi ama camminare può chiaramente muoversi a piedi. Il tragitto non richiede più di 20 minuti.

Asakusa è noto come il quartiere tradizionale di Tokyo. La definizione non deve trarre in inganno. Chi vi cercasse l'armonia dell'architettura tradizionale certamente rimarrebbe deluso. L'area fu completamente rasa al suolo nell'ultimo anno della guerra. Della vecchia Shitamachi (la città bassa) rimane l'impianto urbanistico, la dimensione da città di provincia e quell'atmosfera di nostalgia che trasuda da ogni ristorante, negozio e locale.

Asakusa è un luogo dove si immagina più che vedere. E in questo c'è la bellezza di un'esperienza di viaggio attiva, che richiede partecipazione e trasporto interiori.

Da visitare certamente il Senso-Ji , storico tempio buddhista, e il Santuario di Asakusa, scintoista. Il secondo sopravvisse miracolosamente alla tempesta di fuoco del 1945.

 

Tre giorni a Tokyo: primo giorno - visita ad Asakusa
Asakusa

 

Lungo il Nakamise-dori si trovano numerosi negozi dove è possibile comprare piccoli regali. Emozionante la visita allo Hanayashiki, il parco dei divertimenti più vecchio di Tokyo.

In primavera vale la pena passeggiare lungo il Fiume Sumida. Molti ciliegi si trovano sull'altra sponda, nel quartiere di Ryogoku.

Proprio a Ryogoku si può visitare il Museo di Edo-Tokyo, che illustra in maniera sintetica ma efficace la storia della città moderna. Gli appassionati di sumo non perderanno una visita al Kokugikan.

 

Di sera: 4 alternative

Di sera consigliamo di scegliere una tra le seguenti mete

  • Akihabara, il distretto dell'elettronica, un luogo molto vivo che entusiasmerà chiunque ha interesse nel Giappone degli anime, manga e del modellismo di ogni genere;

  • Torre Sukai Tsuri, a Sumida, la torre più alta del Giappone. Impressionante la visione del panorama dai due osservatori;

  • Kodokan, quartiere generale mondiale del judo. Tra le 18:30 e le 20:30 si può assistere agli allenamenti. Nelle vicinanze è Tokyo Domu, un complesso dedicato all'intrattenimento che comprende un grande parco dei divertimenti;

  • Rikugi-En, storico giardino tradizionale a Bunkyo, aperto al pubblico e illuminato di sera durante la fioritura dei ciliegi.

 

Variante: visita a Yanaka

Yanaka, ancora più di Asakusa, è il luogo dove cercare le suggestioni della Tokyo anteguerra. Vi si trovano numerosi templi e santuari e un grande cimitero di grande importanza storica e culturale.

Yanaka si trova a breve distanza dal Parco di Ueno. E' quindi possibile includere la visita a Yanaka prima di recarsi nel Parco di Ueno. In questo caso l'itinerario viene modificato come segue:

  • Yanaka

  • Ueno

  • Asakusa

  • Ryogoku

Questo programma è decisamente molto intenso e potrebbe lasciare poco tempo a Ryogoku. I quattro quartieri sono comunque molto vicini tra loro.

 

Visitare Yanaka: Emmei-In
Tempio Emmei-In, Yanaka

 

Secondo giorno: Chiyoda, Kanda, Ueno, Akihabara

Nel secondo giorno si compiono spostamenti su distanze maggiori. La visita interessa le aree dei distretti di Chiyoda e Bunkyo, nel centro di Tokyo.

Anche in questo caso il programma si presta a numerose varanti, alcune delle quali sono presentate di seguito.

 

Mattina

La visita a Chiyoda inizia dalla Stazione di Tokyo. Una breve camminata conduce attraverso Marunouchi, il distretto finanziario, fino al Palazzo Imperiale. Della residenza del sovrano giapponese non si può che visitare i Giardini Orientali.

Con una camminata lungo i fossati e le cinta murarie, dove si possono ammirare impressionanti mura poligonali, si raggiunge in circa 20 minuti il Santuario di Yasukuni.

Il Santuario di Yasukuni è il noto luogo di culto dedicato alle anime di coloro che sono caduti nelle guerre successive alla Guerra Boshin. Nell'area del santuario si trova lo Yushukan, un museo che offre il punto di vista giapponese sulla recente storia moderna del paese. Le tesi sostenute, rigettate con veemenza soprattutto in Cina e Corea, offrono comunque la preziosa opportunità di sentire la campana degli sconfitti.

  

Cosa vedere a Tokyo in tre giorni: il Santuario di Yasukuni
Santuario di Yasukuni, Chiyoda

 

Pomeriggio

Terminata la visita al santuario si compie una breve camminata fino alla Stazione di Ichigawa e qui si apre un ventaglio di possibilità:

  • 1) Visita a Bunkyo e Kanda

  • 2) Visita a Shinjuku

  • 3) Breve escursione a Kamakura

 

Cosa vedere a Tokyo in 3 giorni: il giardino Koishikawa Koraku-En
Koishikawa Koraku-En, magnifico giardino paesaggistico a Bunkyo; facilmente visitabile in un itinerario tra Chiyoda, Ueno e Shinjuku

 

1) Visita a Bunkyo e Kanda

Dalla Stazione di Ichigawa si raggiunge in treno (Linea JR Chuo) la Stazione di Iidabashi. Da questa si prosegue a piedi fino al Koishikawa Koraku-En, magnifico giardino tradizionale.

Tra il giardino e Akihabara si può poi compiere un interessante itinerario a piedi che tocca alcuni luoghi poco turistici di grande valore storico e culturale:

  • Yushima Seido, storico tempio confuciano di Tokyo

  • Santuario di Kanda, uno dei più venerati santuari scintoisti della capitale giapponese

  • Ochanomizu e Jimbocho, quartieri noti per i negozi di strumenti musicali e le librerie antiquarie

  • università storiche

Il percorso a piedi può terminare presso Akihabara o Ueno. La zona è servita in maniera eccellente dalla rete della metropolitana e dalle linee ferroviarie urbane (Yamanote, Chuo, Sobu) e in ogni momento è possibile quindi cambiare percorso.

 

2) Visita a Shinjuku

Con la Linea Chuo si raggiunge Shinjuku. Secondo noi imperdibile lo Shinjuku Gyoen, grande parco dove si possono ammirare moltissime piante. Il luogo è incantevole soprattutto in primavera e autunno.

Tra i musei dell'area menzioniamo i seguenti:

  • Museo dei Samurai

  • Museo del Giocattolo

Di sera si può esplorare il sorprendente quartiere di Shinjuku, uno dei luoghi a più alta densità di Tokyo, sequenza senza fine di contrasti e stranezze.

 

3) Breve escursione a Kamakura

Tra le tre questa è la variante che consigliamo di meno perché i limiti di tempo potrebbero renderla poco piacevole per chi ama viaggiare con lentezza.

Tra Tokyo e Kamakura ci si muove con i treni della società JR in circa 60 minuti. Necessario un ulteriore tratto in treno per raggiungere il Kotoku-In, il tempio che custodisce la celebre statua in bronzo del Buddha (Daibutsu).

Il tempo è poco e perciò consigliamo un programma minimale che tocchi i seguenti templi:

  • Kotoku-In

  • Hasedera

Se si sceglie questo programma può valer la pena compiere la gita a Kamakura di mattina e visitare Chiyoda nel pomeriggio.

 

Terzo giorno: Shibuya, Harajuku, Shinjuku

Il terzo e ultimo giorno si concentra sulla parte occidentale della città e prevede un programma di facile organizzazione, aperto a molte varianti.

 

Mattina

Di mattina si può cominciare con la visita al Rikugi-En, straordinario giardino storico, dove ogni scena richiama temi poetici classici.

Muovendosi in treno si raggiunge Shibuya, il quartiere dei giovani. Un giro nella piazza, tra il famoso incrocio, la statua di Hachiko e i centri commerciali può prendere molto tempo. Se ci si vuole muovere a piedi tra Shibuya e Shinjuku raccomandiamo di lasciare Shibuya non più tardi delle 12:00.

Lungo il percorso che conduce a Shinjuku si passa dal quartiere di Aoyama (noto per i locali a tema), Omotesando (la via del lusso di importazione), Harajuku (il quartiere delle mode eccentriche).

 

Pomeriggio

Imperdibile una visita al Santuario Meiji e al grande parco che lo custodisce. Da qui si può proseguire fino a Shinjuku a piedi (se si vuole scoprire una Tokyo sorprendente fatta di casette e vicoli da paesotto di provincia) oppure in treno con la linea Yananote (se si privilegia la visita a Shinjuku). Questa seconda soluzione è ideale nel periodo della fioritura dei ciliegi, quando vale la pena dedicare molto tempo al parco Shinjuku Gyoen.

Dopo aver ammirato il tramonto sulla città dalle torri del Palazzo del Governo Metropolitano di Tokyo si può cenare in uno degli innumerevoli ristoranti della zona. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutte le tasche. Molto interessante passare la serata in una taverna tradizionale (izakaya).

 

Cosa fare la sera a Tokyo: girare a Shinjuku
Shinjuku

 

Terzo giorno: varianti

Gli appassionati di elettronica potrebbero aggiungere una tappa a Ikebukuro ma il rischio di perdersi negli immensi centri commerciali vicini alla stazione è concreto.

Chi ama l'arte antica può voler aggiungere una visita al Museo di Nezu, a Minato. Il museo si trova tra Aoyama e Shibuya.

 

Dove fare acquisti a Tokyo: Ikebukuro
Ikebukuro, centri commerciali e negozi attorno alla stazione

 

Questo programma si concentra sui quartieri moderni della città, Shibuya e Shinjuku. E' l'ideale per chi vuole scoprire la Tokyo avveniristica. L'intero percorso tra Shibuya e Shinjuku può essere compiuto a piedi passando da Aoyama e Omotesando. La lunghezza complessiva varia tra 4,5 e 9 chilometri. Chi non vuole camminare troppo può utilizzare la metropolitana (Linea Fukutoshin) o la ferrovia urbana (Linea Yamanote).

Lungo il percorso si possono vedere alcuni dei migliori centri commerciali di Tokyo, le note caffetterie a tema (quelle coi gatti, i gufi, eccetera), negozi di lusso, botteghe artigianali.

Chi ama le attrazioni culturali non può mancare una visita al Santuario di Meiji. Molto bello il grande parco Shinjuku Gyoen, soprattutto in primavera e in autunno.

Dopo aver ammirato il tramonto sulla città dalle torri del Palazzo del Governo Metropolitano di Tokyo si può cenare in uno degli innumerevoli ristoranti della zona. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutte le tasche. Molto interessante passare la serata in una taverna tradizionale (izakaya).

 

Luoghi da visitare a Tokyo: il Santuario Meiji
Meiji-Jingu, Shibuya; matrimonio scintoista

 

Come raggiungere Tokyo dagli aeroporti

Tokyo può essere raggiunta dall'Aeroporto di Narita in 60-90 minuti. Dall'Aeroporto di Haneda occorrono 30-45 minuti. In entrambi i casi sono disponibili più soluzioni in treno e autobus. Queste sono descritte nelle pagine specifiche.

Raggiungere Tokyo dagli aeroporti:  Aeroporto di Narita  |  Aeroporto di Haneda

 

Come muoversi a Tokyo

Purché prendiate alloggio in una zona non troppo distante dal centro e ben collegata alla rete metropolitana (consigli sul punto di seguito), questo itinerario non richiede lunghi o complicati spostamenti.

La scelta ideale, discussa in dettaglio nel paragrafo successivo, è soggiornare a Ueno o Chiyoda (presso Kanda). Un po' meno comodo il soggiorno a Shinjuku e Asakusa.

 

Muoversi con le linee urbane JR o con la metropolitana

Esiste un biglietto (Tokyo Furii Kippu) che consente di fare uso sia della rete ferroviaria urbana sia della rete della metropolitana. Il costo è molto elevato, 1.590 yen contro i 600 yen di un giornaliero della società Tokyo Metoro o 800 yen per il giornaliero della rete integrata (sia Tokyo Metoro sia Toei).

Ciò rende consigliabile trovare soluzioni diverse. Chi vuole risparmiare al massimo cercherà di usare solo una rete.

Di seguito indichiamo per ogni giornata come è possibile muoversi solo in treno oppure in metropolitana. Va comunque detto che questa soluzione lascia poca flessibilità e implica la necessità di compiere qualche percorso a piedi.

 

Primo giorno: come muoversi tra Ueno, Asakusa e Ryogoku

Il primo giorno prevede spostamenti tra Ueno, Asakusa e Ryogoku. Questi possono essere compiuti nei seguenti modi:

  • In metropolitana: Linea Ginza tra Ueno e Asakusa; a piedi tra Asakusa e Ryogoku

  • In treno: Linea Chuo-Sobu tra Akihabara (raggiungibile a piedi da Ueno) e Ryogoku

La seconda soluzione richiede un percorso a piedi aggiuntivo, tra Ueno e Akihabara. Poiché Akihabara è una meta interessante, vale la pena valutare questa soluzione. Tra Ueno e Akihabara si possono peraltro vedere il mercato di Ameyoko e la via delle botteghe artigiane sotto il viadotto della ferrovia.

 

Secondo giorno: come muoversi tra Chiyoda e Bunkyo

Il secondo giorno prevede spostamenti tra Chiyoda e Bunkyo. Questi possono essere compiuti nei seguenti modi:

  • In metropolitana: Linea Marunouchi e Linea Hanzomon tra il centro e la Stazione di Kudanshita, presso il Santuario di Yasukuni; Linea Namboku e Linea Oedo, tra i dintorni del santuario e Kanda e Bunkyo;

  • In treno: Linea Chuo tra Ichigawa (raggiungibile a piedi dal Santuario di Yasukuni) e la Stazione di Ochanomizu (che dà accesso a Bunkyo e Kanda).

La prima soluzione richiede svariati cambi di treno. La seconda richiede alcuni spostamenti a piedi.

 

Terzo giorno: come muoversi tra Shibuya, Harajuku e Shinjuku

Il terzo giorno prevede spostamenti tra Shibuya e Shinjuku. Questi possono essere compiuti nei seguenti modi:

La prima soluzione richiede alcuni brevi spostamenti a piedi aggiuntivi.

 

Come si vede, questo programma si presta a entrambe le soluzioni di viaggio, quella di muoversi solo in metropolitana e quella di muoversi solo in treno.

 

Spostamenti economici a Tokyo: treni urbani
Treni delle linee urbane e suburbane a Tokyo

 

Carte ricaricabili

Suica

Carta Suica (utilizzabile a Tokyo e nelle principali città del Giappone)

 

proposte da 客路 | Klook (Hong Kong, Cina)

 

Dove alloggiare: scelta dell'ubicazione dell'albergo

Chi intende compiere questo itinerario troverà conveniente alloggiare in una delle tre zone descritte: 1) Taito (Ueno e Asakusa), 2)  Shinjuku, 3) Chiyoda e Chuo. Queste tre zone sono ben collegate tra loro da numerose linee della metropolitana. Rispetto alle altre due zone, Chiyoda e Chuo offrono in più anche la centralità geografica.

 

Per scegliere in quale di queste zone alloggiare conviene quindi riferirsi anche ad altri criteri:

  • Risparmio: in generale tra le tre zone menzionate, Asakusa è quella dove è più facile trovare alloggi economici;

  • Facilità negli spostamenti extraurbani: tutte e tre le zone sono ottimamente collegate agli aeroporti e alle stazioni ferroviarie; Asakusa e Chiyoda permettono rapidi ed economici trasferimenti all'aeroporto di Narita;

  • Escursioni fuori porta: da Tokyo è possibile visitare in giornata importanti località di interesse storico, culturale e paesaggistico. Tra di esse menzioniamo Nikko, Kamakura, Hakone e la regione dei Cinque Laghi del Monte Fuji;

    • se intendete visitare Nikko e i suoi meravigliosi templi e santuari, alloggiare ad Asakusa si rivela particolarmente conveniente poiché è in questa zona che si trova la stazione della compagnia Tobu che collega Tokyo a Nikko;

    • se intendete visitare Hakone, la regione dei Cinque Laghi del Monte Fuji, Kawagoe e Kamakura, è particolarmente conveniente alloggiare presso Shinjuku;

    • se intendete visitare Kamakura, risulta particolarmente conveniente alloggiare presso la Stazione di Tokyo (presso Chiyoda);

  • Vita notturna: Asakusa è un quartiere tranquillo, pieno di osterie giapponesi alla buona; l'area attorno a Shinjuku offre la vita notturna che piace a chi intende fare le ore piccole; Chiyoda e Chuo offrono poco dal punto di vista della vita notturna, salvo alcuni ristoranti e locali esclusivi.

  

Articoli di dettaglio:

Dove alloggiare a Tokyo (informazioni, pro e contro delle diverse ubicazioni, alberghi consigliati)

Alloggiare presso le stazioni della linea Yamanote (una scelta pragmatica)

 

Articoli correlati

 

 1 giorno a Tokyo

2 giorni a Tokyo

4 giorni a Tokyo

 

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Star ActiveStar ActiveStar ActiveStar ActiveStar Active