Visita al Todai-Ji (Nara): Daibutsuden
Nara, Todai-Ji

 

Il Todai-Ji è un antico tempio buddhista situato nel Parco di Nara. E’ una delle mete imperdibili di un viaggio nell’antica capitale.

Il tempio custodisce una delle statue in bronzo del Buddha più grandi del Giappone e svolge un ruolo centrale nel Buddhismo giapponese.

Attorno al Todai-Ji è un magnifico paesaggio naturale e architettonico che dona immagini suggestive dell’antica Nara.

Il Todai-Ji è facilmente raggiungibile in autobus dalle stazioni ferroviarie e da altri punti di interesse del centro di Nara.

 

Tempio Todai-Ji: breve descrizione

Il Todai-Ji (東大寺, Tōdai-Ji, letteralmente: “Grande Tempio Orientale”) è un antico tempio, uno dei più importanti luoghi di culto buddhisti di Nara e dell’intero Giappone.

Venne edificato nel 756 d.C. per volere dell’Imperatore Shomu come primario centro di diffusione del Buddhismo nel Sol Levante, in un’epoca in cui la nazione era funestata da gravi calamità, tra cui una devastante epidemia di vaiolo, ripetuti terremoti e carestie. Oggi è il tempio capofila della Scuola del Buddhismo Kegon.

Il Todai-Ji è noto per l'immensa statua del Buddha (Daibutsu) conservata nella Sala Principale di Culto (Kondo). La realizzazione richiese risorse ingentissime e fu un evento di straordinaria importanza per l'epoca tanto da attrarre per l'inaugurazione devoti e notabili da Cina, India e numerosi altri paesi.

Il complesso templare del Todai-Ji comprende diversi edifici, gran parte dei quali è stata ricostruita nel XVII secolo. Dopo innumerevoli incendi e terremoti, ciò che rimane oggi è solo una parte del grandioso complesso che fu. Si sa che in passato erano presenti anche due pagode altissime (probabilmente all’epoca tra gli edifici più alti al mondo).

L'accesso principale al tempio avviene per un ameno viale alberato lungo cui si erge il Nandaimon, un grandioso portale in legno che custodisce due giganteschi Nio.

Da non mancare la visita ai dintorni del tempio, che ospitano altri edifici di pertinenza del complesso particolarmente interessanti; imperdibile il Nigatsu-Do, sulle pendici del Monte Wakakusa e da vedere anche lo Shoso-In.

La collezione di arte sacra del tempio è conservata nel Museo del Todai-Ji. Questo è una struttura moderna del 2011.

 

Nandaimon

Il Nandaimon (Porta Meridiana) è il portale di accesso meridionale al Todai-Ji. E’ un magnifico cancello in legno, nel novero dei Tesori Nazionali.

Accingendosi a varcarlo si raggela alla vista delle imponenti figure dei guardiani Kongorikishi, numi tutelari incaricati di tenere a distanza gli spiriti malvagi. Figure possenti dall’espressione terrificante, sono anche chiamati Nio (仁王), ossia Re Benevoli. Sono considerati manifestazione del bodhisattva Vajrapani, protettore del Buddha, di cui è rappresentata la potenza. Il loro sguardo minaccioso invita l’osservatore ad abbandonare il pregiudizio e aprirsi alla Via.

Le magnifiche sculture, alte oltre otto metri, sono opere di Unkei, Kankei e dei loro discepoli. Realizzate con il legno ricavato da dieci enormi cipressi, sono giunte a noi nella loro condizione originaria.

Il Nandaimon può essere scorto dal giardino Isui-En. La circostanza fu voluta, quale applicazione della tecnica shakkei (“del paesaggio conferito”).

 

Kondo (Daibutsuden)

La Sala Principale di Culto è la più grande struttura lignea al mondo giunta a noi dall’Antichità. E’ certo che in passato le dimensioni dell’edificio erano anche maggiori e vicino a esso si elevavano due altissime pagode allineate lungo la direzione est-ovest, probabilmente le strutture più alte al mondo all’epoca.

Il Kondo che si può vedere oggi è una ricostruzione dell’anno 1692. Al suo interno è un’enorme statua del Buddha Dainichi Nyorai (Vairocana). Alta più di 15 metri pesa oltre 380 tonnellate. Da essa deriva l’appellativo di Daibutsuden (Sala del Grande Buddha). All’interno del Daibutsu sono state trovate delle reliquie, tra cui spade, specchi, gioielli, perle e un dente, attribuite all’Imperatore Shomu.

Vicino alla statua (sul lato occidentale) si nota un grande pilastro con una cavità. Si dice che riuscire a passarvi in mezzo dona l’illuminazione nella vita successiva.

Chi ha viaggiato in Cina non potrà fare a meno di riportare alla mente immagini della sontuosa architettura dell’Epoca Tang. L’antica Nara venne infatti costruita sul modello di Chang’An (l’odierna città di Xi’An).

 

Shoso-In

Lo Shoso-In è la Sala del Tesoro del Todai-Ji. E’ una magnifica architettura di rara bellezza. Conserva tesori dell’arte sacra del tempio, risalenti al Periodo Tenpyo, l’era in cui regnò l’Imperatore Shomu.

 

Informazioni

Indirizzo: Nara, Zoshi-cho 406-1

Orari di apertura: Daibutsu-Den, Hokke-Do (Sangatsu-Do), Kaidan-In 8:00-16:30, tutti i giorni

Ingresso: 500 yen; 800 yen per il biglietto combinato che dà diritto a visitare anche il museo

 

Come raggiungere il Todai-Ji

Il Todai-Ji è a brevissima distanza dal Giardino Isui-En e dal Museo Nazionale di Nara. E' servito da una fermata dell'autobus.

 

A piedi

Il Todai-Ji si trova nella parte settentrionale del Parco di Nara. A piedi dista circa 30 minuti dalla Stazione di Nara-Kintetsu e 45 minuti dalla Stazione di Nara (rete JR).

 

In autobus

Gli autobus delle linee circolari turistiche collegano le stazioni ferroviarie ai principali luoghi di interesse nel Parco di Nara. Il Todai-Ji è servito dalla fermata Daibutsuden-Kasuga-Taisha-mae (percorrenza dalle stazioni di 10-15 minuti). Dalla fermata si prosegue a piedi per meno di 10 minuti.

 

Luoghi da visitare, cosa vedere a Nara (luoghi di interesse storico, culturale e religioso nel Parco di Nara, a Nishinokyo e nei dintorni della città)