Volare in Giappone: aeroporto di Tokyo Narita
Aeroporto internazionale di Narita, presso Tokyo; uno dei principali scali di ingresso in Giappone per chi proviene dall'Italia e dall'Europa

 

Voli diretti e con scali permettono trasferimenti tra Italia e Giappone facili e relativamente veloci.

Gli aeroporti di Tokyo e Osaka sono le principali porte di accesso via aerea in Giappone, soprattutto per chi viaggia dall’Italia e dall’Europa.

Chi viaggia passando dalla Cina, dalla Corea e da altre nazioni dell’Asia Sud-Orientale può facilmente organizzare itinerari di ingresso e uscita per vie diverse, una possibilità che va valutata soprattutto per programmi di viaggio fuori del comune.

 

Indice:

 

 

Volare in Giappone

Trasferimenti in aereo tra Italia e Giappone richiedono tempi non troppo lunghi. Voli diretti collegano Roma e Tokyo.

Viaggiare tra Italia e Giappone facendo uso di voli di andata e ritorno con uno scalo è spesso la scelta più economica.

Di grande interesse anche gli itinerari di volo multi-tratta, specialmente quelli con tappe in Cina. Questi sono spesso un buon modo di risparmiare tempo e denaro e visitare brevemente città fuori del Giappone.

Per quanto accennato, a nostro avviso la scelta degli itinerari di volo tra Italia e Giappone non è un fatto scontato ed è consigliabile valutare tutte le possibilità disponibili. Risulta quindi utile conoscere i principali aeroporti di ingresso in Giappone e nella più vasta area dell’Estremo Oriente.

 

Articoli correlati:

 

 

Aeroporti di ingresso principali

Gli aeroporti di Tokyo e Osaka sono le principali porte di ingresso via aerea in Giappone. Il paese dispone di altri aeroporti internazionali di una certa importanza. Molti di questi aeroporti sono collegati da voli diretti, anche a basso costo, con i maggiori poli del traffico aereo dell’Asia Orientale.

 

Tokyo (Giappone centrale)

La capitale giapponese è servita da due aeroporti:

  • Tokyo-Narita (NRT): nella città di Narita, a circa 70 km dal centro di Tokyo, il maggiore scalo internazionale a servizio della capitale giapponese;

  • Tokyo-Haneda (HND): situato all’interno del territorio di Tokyo, gestisce molti voli interni e un buon numero di collegamenti intercontinentali.

Entrambi gli aeroporti sono ottimamente allacciati dalla rete ferroviaria della regione. I trasferimenti tra i due aeroporti, Tokyo e molte città del circondario sono facili ed economici.

 

Osaka (Giappone centro-meridionale)

La città di Osaka è servita da uno scalo internazionale di crescente importanza:

  • Osaka-Kansai (KIX): serve numerosi voli internazionali, inclusi collegamenti intercontinentali. Dà accesso alla città di Osaka e a tutta la regione di Honshu meridionale. Non lontane Kyoto, Nara, Kobe e molte altre località di grande interesse turistico.

 

Nagoya (Giappone centrale)

Dopo gli scali di Tokyo e Osaka nelle priorità del turista viene l’aeroporto internazionale di Nagoya, città convenientemente ubicata nel centro del Chubu, regione centrale di Honshu, la maggiore delle isole giapponesi:

  • Nagoya-Chubu (NGO): serve un gran numero di voli internazionali di ambito regionale (Asia Orientale, Sudest Asiatico) nonché un piccolo numero di voli dall’Europa.

 

Fukuoka (Giappone meridionale)

Chi intende viaggiare nell’Isola di Kyushu o nell’Arcipelago delle Ryukyu può scegliere di raggiungere direttamente lo scalo di Fukuoka:

  • Fukuoka (FUK): collegato alle maggiori città dell’Asia Sud-Orientale. Numerosi i voli dalle maggiori città cinesi, che consentono al viaggiatore italiano di evitare di passare da Tokyo oppure Osaka.

 

Sapporo (Giappone settentrionale)

Chi intende viaggiare nell’Isola di Hokkaido può scegliere di raggiungere direttamente lo scalo di Sapporo:

  • Sapporo-Chitose (CTS): il Nuovo Aeroporto di Chitose è allacciato a città dell’Asia Sud-Orientale. Numerosi i voli dalla Cina e dalla Corea.

 

Altri aeroporti di interesse turistico

Al turista può giovare a volte fare ingresso o uscire da questi aeroporti:

  • Hiroshima (HIJ): il maggiore scalo del Chugoku (Honshu meridionale);

  • Komatsu (KMQ): nei pressi di Kanazawa;

  • Sendai (SDJ): la città di Sendai è punto di partenza ideale di escursioni nel Tohoku; voli diretti da molte città in Asia.

  • Naha (OKA): nell’Isola di Okinawa, punto di partenza privilegiato di viaggi nell’Arcipelago delle Ryukyu.

Tutti questi aeroporti sono collegati alla Cina e alla Corea.

 

 

Itinerari di volo

In questa sezione presentiamo i più comuni itinerari di volo per trasferimenti tra Italia e Giappone. Voli diretti o con uno scalo di andata e ritorno non sono infatti l’unica scelta possibile.

 

Voli diretti

Al 2024 è attivo un solo collegamento diretto tra Italia e Giappone:

  • Roma-Tokyo:

    • Roma-Fiumicino (FCO) - Tokyo-Haneda (HND).

 

Voli con scali

Anche a causa della scarsità di opzioni in fatto di voli diretti, per il trasferimento via aerea tra Italia e Giappone consigliamo di valutare la scelta di voli con uno scalo.

 

Scali in Asia Orientale

Il Giappone beneficia di una fitta rete di collegamenti diretti con l’Asia Orientale. Numerosi i collegamenti con la Cina e la Corea del sud.

 

Possibili itinerari di volo con scali sono i seguenti:

  • Scali in Cina:

    • Italia (Roma, Milano) - Cina (Pechino, Shanghai, Chengdu, Shenzhen e altre città) - Giappone (Tokyo, Osaka, Nagoya, Fukuoka e altri aeroporti);

  • Scali in Corea del sud:

    • Italia (Roma, Milano) - Corea del sud (Seoul) - Giappone (Tokyo, Osaka, Nagoya, Fukuoka e altri aeroporti).

 

Si noti che:

  • 1) passare dalla Cina è in genere la scelta più conveniente, sia in termini di durata del viaggio sia in termini di risparmio economico;

  • 2) il passaggio dalla Corea è una scelta indicata a chi intende proseguire via mare fino al Giappone. Comune viaggiare in nave tra Busan (Corea del sud) e Fukuoka (Kyushu, Giappone). Si tratta evidentemente di un’opzione di interesse a chi intende combinare nello stesso viaggio le visite alla Corea e al Giappone.

 

Maggiori informazioni nella pagina dedicata:

  • Viaggiare in Giappone facendo scalo in Cina (cosa occorre sapere; brevi visite nelle maggiori città cinesi)

 

Scali in Europa

Le maggiori compagnie aeree europee e giapponesi servono collegamenti diretti tra Europa e Giappone. Per chi proviene dall’Italia può essere di interesse valutare l’opportunità di voli da città facilmente raggiungibili (non solo in aereo, anche in treno).

Aeroporti di particolare interesse per chi viaggia dall’Italia sono i seguenti:

  • Francia: Parigi-Roissy (CDG);

  • Germania: Francoforte (FRA), Monaco di Baviera (MUC);

  • Spagna: Madrid (MAD);

  • Svizzera: Zurigo (ZRH).

Città raggiungibili dall’Italia in treno in tempi non troppo lunghi sono Monaco di Baviera, Parigi, Zurigo.

 

Scali in Asia Sud-Occidentale

Abbastanza numerosi i voli tra i paesi del Levante (essenzialmente la sola Turchia) e del Medio Oriente (paesi dell’area del Golfo Persico) e il Giappone.

Fare scalo in questi paesi è una scelta indicata a chi vuole dividere il viaggio in due parti di durata non troppo diversa.

Possibile fare scalo anche in India.

 

Scali nel Sudest Asiatico

Aeroporti di primario interesse nel Sudest Asiatico serviti da voli diretti dall’Italia e dal Giappone sono gli scali di Bangkok-Suvarnabhumi (BKK) e Singapore (SIN).

Fare scalo nel Sudest Asiatico tuttavia allunga i tempi di viaggio ed è sensato solo se si intende trascorrere qualche giorno nell’area.

Si noti comunque che da Bangkok e Singapore è possibile raggiungere anche aeroporti diversi da quelli di Tokyo e Osaka.

 

Scali a Bangkok (Tailandia)

Voli di particolare interesse turistico alcuni voli tra Bangkok e il Giappone:

  • Bangkok-Suvarnabhumi (BKK): Tokyo-Narita (NRT), Tokyo-Haneda (HND), Osaka-Kansai (KIX), Fukuoka (FUK), Nagoya-Chubu (NGO), Okinawa-Naha (OKA), Sapporo-Chitose (CTS).

 

Volare a Bangkok è un buon modo per raggiungere Okinawa e Hokkaido senza passare da Tokyo. A volte il risparmio di una simile scelta può essere apprezzabile.

Attivi anche voli a basso costo.

 

Scali a Singapore

Oltre a Tokyo e Osaka, anche Nagoya e Fukuoka sono servite da voli diretti da Singapore.

 

Voli multi-tratta

Da quando a causa dei forti rincari del 2023 i biglietti ferroviari turistici JRP a estensione nazionale non offrono più convenienza per comuni itinerari di viaggio in Giappone, la scelta di pianificare voli multi-tratta, tipicamente con ingresso da Tokyo e uscita da Osaka, va valutata con interesse.

Fare scalo in Cina è spesso la scelta più conveniente.

 

Itinerari di volo con scalo in Cina

Numerosissime le possibili combinazioni di voli intercontinentali (Italia-Cina) e regionali (Cina-Giappone).

 

Programma tipico:

  • Andata:

    • 1) Italia - Cina: da Roma o Milano a Pechino o Shanghai. Queste due città sono visitabili per 72 o 144 ore senza visto;

    • 2) Cina - Giappone: da Pechino o Shanghai a Tokyo, Osaka, Nagoya o Fukuoka.

  • Ritorno:

    • 1) Giappone - Cina: da Tokyo, Osaka, Nagoya o Hiroshima a Pechino;

    • 2) Cina - Italia: da Pechino a Roma o Milano.

 

Possibile scegliere tra la prenotazione dell’intero itinerario (nel qual caso non si può scegliere la durata degli scali) o dei singoli voli (voli di andata e ritorno Italia - Cina e singole tratte tra Cina e Giappone). La seconda scelta, spesso più costosa, è adatta a chi vuole trascorrere in Cina qualche giorno, sfruttando al meglio le possibilità legate al regime di esenzione dal visto di ingresso.

Si noti comunque che sono attivi molti voli a basso costo tra Cina e Giappone.

 

Maggiori informazioni:  Viaggiare in Giappone facendo scalo in Cina (consigli per organizzare un viaggio in entrambi i paesi)

 

Durata dei trasferimenti in aereo tra Italia e Giappone

In linea di massima un volo diretto tra Italia e Corea del sud ha durata solitamente compresa tra tra 12 e 15 ore. Più lunghi i trasferimenti nel caso di scali.

 

Durata dei voli diretti tra l’Italia e il Giappone (dati indicativi):

  • da Roma:

    • Roma - Tokyo: 12 ore e 30 minuti - 15 ore

 

Durata voli con uno scalo tra l’Italia e il Giappone (dati indicativi):

  • da Roma:

    • Roma - Tokyo: 17 - 23 ore

    • Roma - Osaka: 17 - 21 ore

  • da Milano:

    • Milano - Tokyo: 18 - 23 ore

    • Milano - Osaka: 17 - 25 ore

 

Non rarissime le coincidenze poco favorevoli, con lunghi scali (anche più di 10 ore). Simili evenienze offrono occasioni pre brevi visite in città di altre nazioni.

Voli con lunghi scali spesso sono venduti a tariffe molto vantaggiose.

 

Durata dei voli regionali (nell’Asia Orientale)

Tempi di volo per trasferimenti regionali tra il Giappone e le nazioni circostanti (dati indicativi):

  • dalla Cina:

    • Pechino - Tokyo : 3 ore e 30 minuti - 4 ore e 15 minuti

    • Shanghai - Tokyo : 2 ore e 45 minuti - 3 ore e 45 minuti

    • Guangzhou/Shenzhen/Hong Kong - Tokyo : 4 ore - 5 ore e 45 minuti

    • Pechino - Osaka: 2 ore e 45 minuti - 3 ore e 30 minuti

    • Shanghai - Osaka: 2 ore e 15 minuti - 3 ore e 15 minuti

    • Guangzhou/Shenzhen/Hong Kong - Osaka: 3 ore e 45 minuti - 5 ore

    • Pechino - Sapporo: 4 ore - 4 ore e 45 minuti

    • Shanghai - Fukuoka: 1 ora e 30 minuti - 2 ore

    • Taipei - Tokyo: 3 ore e 15 minuti - 4 ore e 30 minuti

    • Taipei - Osaka: 2 ore e 30 minuti - 3 ore e 30 minuti

    • Taipei - Fukuoka: 2 ore e 15 minuti - 2 ore e 45 minuti

    • Taipei - Okinawa-Naha: 1 ora e 30 minuti - 1 ora e 45 minuti

  • dalla Corea del sud:

    • Seoul - Tokyo: 2 ore e 30 minuti - 3 ore

    • Busan - Tokyo: 2 ore - 2 ore e 45 minuti

    • Seoul - Osaka: 2 ore

    • Jeju - Osaka: 2 ore

    • Seoul - Fukuoka: 1 ora e 45 minuti

  • dall’Indonesia:

    • Bali - Tokyo: 7 ore e 30 minuti - 8 ore

  • dalla Tailandia:

    • Bangkok - Tokyo: 6 ore e 30 minuti - 7 ore

  • da Singapore:

    • Singapore - Tokyo: 7 ore e 15 minuti

  • dal Vietnam:

    • Hanoi - Tokyo: 6 ore

 

 

Prenotazione del volo

La prenotazione dei voli per il Giappone segue i criteri abituali. E’ consigliabile prenotare i voli con un certo anticipo (almeno 2-3 mesi).

Abbastanza frequenti le offerte, soprattutto per i voli con scali.

 

Costi

Un volo diretto tra Italia e Giappone in classe turistica ha un costo solitamente variabile tra 600 e 900 euro.

Più economici i voli con uno scalo (Cina, Europa, Medio Oriente), per i quali spesso si spende tra 500 e 800 euro.

 

Suggerimenti utili a trovare voli economici per il Giappone:

  • Controllare periodicamente se le compagnie aeree offrono promozioni e tariffe scontate;

  • In assenza di offerte speciali, prenotare con un anticipo compreso tra 2 e 6 mesi; anticipi superiori in genere non garantiscono migliori occasioni di risparmio;

  • Evitare di viaggiare nei periodi di maggiore afflusso turistico (Natale, Capodanno, fine aprile-inizio maggio, luglio e agosto);

  • Considerare la possibilità di acquistare voli multitratta, con località di ingresso e uscita in Giappone differenti (ad esempio ingresso a Tokyo e uscita da Osaka, il che significa anche non dover tornare al punto iniziale) o anche località di partenza e arrivo in Italia differenti (ad esempio partenza da Roma e arrivo a Milano). A prezzo di una lunga ricerca sui migliori siti di prenotazione, è possibile spuntare ottimi prezzi con risparmi sensibili (anche 300-400 euro).

  • Se si ha molto tempo a disposizione, combinare la visita a più paesi e trarre vantaggio dai voli a basso costo tra il Giappone e altri paesi asiatici.

 

 

Voli interni

Molto capillare la rete di collegamenti aerei nazionali. Su molte tratte però la concorrenza dei treni ad alta velocità è forte.

Tra le città del Corridoio Tokaido (Tokyo - Nagoya - Kyoto - Osaka) e quelle servite dalla Linea shinkansen San’yo (via Hiroshima fino a Fukuoka), viaggiare in treno è la soluzione complessivamente più conveniente (considerati i costi e i tempi di trasferimento).

Le maggiori compagnie aeree del paese sono le seguenti:

  • JAL: la compagnia di bandiera nipponica. Serve molti collegamenti intercontinentali e una fitta rete di rotte domestiche. Controlla aviolinee regionali, tra cui JTA, RAC, e aviolinee a basso costo. Nodi principali della rete sono gli scali di Tokyo e Osaka. Voli per l’Asia, l’Europa, l’Oceania e le Americhe;

  • ANA: la seconda compagnia aerea di livello internazionale. Controlla aviolinee regionali e a basso costo. Voli intercontinentali per l’Europa, l’Oceania e le Americhe. Molti voli per l’Asia Sud-Orientale.

 

Aviolinee regionali

Un buon numero di compagnie aeree serve esclusivamente determinate regioni del paese:

  • Air Do: serve voli tra Honshu e Hokkaido;

  • ANA Wings: voli regionali tra le maggiori città;

  • HAC: voli a Hokkaido;

  • JTA: attiva con voli a breve raggio nell’area dell’Arcipelago delle Ryukyu. Principale nodo della rete è l’Aeroporto di Naha (Okinawa);

  • RAC: altra compagnia aerea attiva con voli a breve raggio nell’area dell’Arcipelago delle Ryukyu. Principale nodo della rete è l’Aeroporto di Naha (Okinawa);

  • Solaseed: voli tra Tokyo e città di Kyushu.

 

Aviolinee a basso costo

Attive in Giappone svariate compagnie aeree a basso costo.

Elenco non esaustivo:

  • Jetstar Japan: voli tra Giappone, Cina e Filippine;

  • Peach Aviation: voli tra Giappone, Cina, Corea del sud e Tailandia. Abbastanza buona la copertura del territorio nazionale (da Kagoshima a Sapporo);

  • Spring Japan: voli tra Cina e Giappone;

  • Starflyer: prevalentemente voli nazionali.

 

Durata dei voli

Tempi di volo per trasferimenti domestici in Giappone (dati indicativi):

  • Tokyo - Osaka: 1 ora e 15 minuti

  • Tokyo - Hiroshima: 1 ora e 30 minuti

  • Tokyo - Takamatsu: 1 ora e 30 minuti

  • Tokyo - Fukuoka: 2 ore

  • Tokyo - Kagoshima: 2 ore

  • Tokyo - Nagasaki: 2 ore

  • Tokyo - Okinawa-Naha: 3 ore

  • Tokyo - Sapporo: 2 ore

  • Kagoshima - Yakushima: 45 minuti

  • Kagoshima - Amami-Oshima: 1 ora e 15 minuti

 

 

Conclusioni e consigli

Venendo a linee generali utili a orientarsi nelle scelte, diremo quanto segue:

  • 1) Voli diretti: esistono pochi voli diretti tra Italia e Giappone. Partenze solo da Roma;

  • 2) Voli con uno scalo: le soluzioni di viaggio più economiche vengono dai voli con uno scalo in Cina (Pechino, Shanghai), in Europa o nell’Asia Sud-Occidentale. Di interesse turistico anche gli scali nel Sudest Asiatico;

  • 3) Voli regionali: molto fitta la rete di collegamenti aerei nazionali e internazionali di ambito regionale. Attive numerose aviolinee a basso costo;

  • 4) Voli interni: in molti casi viaggiare in treno è preferibile. Per trasferimenti tra Tokyo e le isole di Kyushu e Hokkaido l’aereo offre spesso la soluzione di viaggio più economica. La scelta di eventuali voli interni va valutata nella più ampia pianificazione degli itinerari di volo internazionali.

 

Articoli correlati:

Come raggiungere le principali città dell'Isola di Honshu:

Come raggiungere le principali città dell'Isola di Hokkaido:

Come raggiungere le principali città dell'Isola di Kyushu:

Come raggiungere le principali città dell'Isola di Shikoku:

 

Come raggiungere Osaka: Aeroporto internazionale del Kansai
Aeroporto internazionale del Kansai, presso Osaka

  

Dagli aeroporti alle città:

 

Pernottare presso gli aeroporti

Se arrivate a tarda ora o partite nel primo mattino potreste scegliere di pernottare presso l'aeroporto. Pernottare presso gli aeroporti in Giappone è in genere relativamente economico.

 

Alberghi nei dintorni dell'Aeroporto di Narita (NRT)
per il rapporto qualità-prezzo Hotel Nikko Narita
all'interno dell'aerostazione, albergo a capsule 9h Narita Airport
nel centro di Narita albergo in stile giapponese Wakamatsu Honten
Alberghi nei dintorni dell'Aeroporto di Tokyo-Haneda (HND)
a Shinagawa, albergo a capsule Shizuku Shinagawa-Oimachi
 albergo economico Hotel MONday Haneda-Kuko
presso lo scalo, albergo di fascia media Hotel JAL City Haneda Tokyo West Wing

 

Alberghi nei dintorni dell'Aeroporto del Kansai (KIX)
presso l'aeroporto, per il rapporto qualità-prezzo Hotel Nikko Kansai Airport
albergo a capsule all'interno dell'aeroporto First Cabin Kansai Airport

 

Articoli correlati:

 

Visita guidata di Asakusa
Escursione a Kyoto