Kyoto: il distretto di Sakyo
Sakyo, a nord di Higashiyama, delicato connubio di architettura tradizionale e molli paesaggi collinari; luogo di elezione per coloro che amano la tranquillità e un viaggio lento

 

Sakyo è un vasto distretto che occupa la parte nord-orientale della città di Kyoto. Molto grande e ricchissimo di luoghi storici e di interesse culturale e artistico, Sakyo è un’area appena lambita dagli itinerari turistici di chi si reca a Kyoto per la prima volta.

Una visita a Sakyo non frettolosa richiederebbe moltissimi giorni. A nostro giudizio neppure una settimana basterebbe a visitare Sakyo per come si conviene.

Con un approccio realistico è possibile selezionare alcune delle mete imperdibili di Sakyo e organizzare interessantissimi itinerari di 2 o 3 giorni. Questa è la scelta più sensata per chi conta di trascorrere a Kyoto meno di una settimana.

 

 

Orientarsi a Sakyo

Sakyo (左京; letteralmente: “alla sinistra del palazzo imperiale”) è una vasta area collinare situata a est del Fiume Kamo e a nord di Higashiyama. Assieme a quest'ultima è considerato la culla della Cultura di Higashiyama. A questo proposito giova ricordare che in molti casi col termine Higashiyama si fa riferimento alla nozione geografica, che comprende anche la parte meridionale di Sakyo.

Dal punto di vista del visitatore, i distretti di Higashiyama e Sakyo (per lo meno la sua parte sud-orientale) vanno considerati un’unica area e, anche per considerazioni di ordine pratico, è molto comune organizzare itinerari che includano nello stesso giorno visite in entrambi i distretti.

Sakyo è servito da alcune ferrovie, dalla metropolitana e da moltissime autolinee. Le distanze in gioco sono ragguardevoli ed è essenziale pianificare con cura gli itinerari. Scelte sbagliate possono portare a gravi perdite di tempo.

 

 

Luoghi da visitare, cosa vedere a Sakyo

Sakyo presenta una grande concentrazione di siti di interesse storico e culturale, tra cui spicca un gran numero di templi buddhisti storici.

Stilare una lista dei luoghi di interesse di Sakyo è impresa improba e risulterebbe fuorviante perché è necessario anzitutto mettere in evidenza le mete imperdibili, ossia i luoghi di maggior interesse e più facilmente visitabili.

Tra i numerosissimi luoghi di interesse storico, culturale, artistico e religioso di Sakyo consigliamo di annotare i seguenti:

  • Ginkaku-Ji: storico tempio buddhistico, immerso in una ricca compagine di giardini di vario genere, tra cui boschetti di bambù, giardini secchi, giardini di muschi. Brilla per l’uso sapiente di un’estetica fondata sulla semplicità, l’essenzialità, la potenza evocativa, la capacità di coinvolgere l’osservatore nel completamento dell’immagine delle opere, l’uso del non finito;

  • Honen-In: piccolo tempio immerso nel verde. Architetture di straordinaria essenzialità armoniosamente inserite del florido ambiente naturale delle Colline di Higashiyama;

  • Sentiero del Filosofo: un lungo vialetto che corre lungo un canale. E’ scenario delizioso durante la fioritura dei ciliegi;

  • Nanzen-Ji: vasto complesso templare con architetture imponenti e giardini paesaggistici;

  • Eikan-Do Zenrin-Ji: meta imperdibile dell’osservazione dei colori dell’autunno;

  • Heian-Jingu: vasto santuario scintoista edificato nello stile dell’architettura cinese di Epoca Tang.

Questi templi e santuari si trovano lungo una direttrice turistica fondamentale, quella che conduce dal Ginkaku-Ji a Higashiyama correndo lungo il Sentiero del Filosofo. Per soggiorni a Kyoto di durata inferiore a cinque giorni, queste sono le mete fondamentali di una visita a Sakyo. Aggiungere altre visite risulterebbe difficile.

Per soggiorni più lunghi consigliamo di considerare anche i seguenti luoghi:

  • Shinnyo-Do: tappa di un percorso a piedi in una delle aree più ricche di vestigia del passato di Sakyo. Bella la cornice degli aceri in rosso;

  • Shisen-Do: minuscolo tempio dall’architettura essenziale, quasi spartana;

  • Enko-Ji: altro magnifico scenario della contemplazione delle tinte dell’autunno, che qui vestono a festa il grande cortile centrale;

  • Manshu-In: un bel tempio buddhistico;

  • Villa Imperiale Shugakuin: elegante villa con giardini;

  • Giardini botanici di Kyoto: meta veramente irrinunciabile per l’appassionato botanico.

 

Approfondimenti:

Ginkaku-Ji  |  Honen-In  |  Heian-Jingu  |  Eikan-Do Zenrin-Ji

 

Articoli correlati:

Dove alloggiare a Sakyo (ryokan, alberghi di lusso)

 

Itinerari a Kyoto:

Itinerari per il primo viaggio a Kyoto (percorsi classici e varianti stagionali):

 

 

Visita guidata di Arashiyama e la foresta di bambù
Visita guidata del santuario Fushimi Inari-Taisha