Viaggio in Cina: visita a Suzhou, meta imperdibile
Giardini Classici di Suzhou (Provincia di JiangSu); la visita a questi luoghi apre a un nuovo modo di vedere e osservare. Opere d'arte finissime e di straordinaria bellezza, hanno influenzato in maniera decisiva la cultura dell'intera Asia Orientale. Da qui si dovrebbe passare prima di visitare la Corea, il Giappone e il Vietnam
Viaggiare in Cina: Suzhou; visita ai giardini classici, Giardino dell'Indugiare (留园)
Suzhou, Giardino dell'Indugiare

 

Itinerario in Cina: Hangzhou, visita al Lago Occidentale
Hangzhou, Lago Occidentale. La città, chiamata da Marco Polo col nome di Chinsai, è ancora oggi un'inesauribile fonte di ispirazione artistica e culturale per la Cina e l'Oriente tutto

 

 
 

Con questo articolo ci proponiamo di darvi informazioni e consigli utili a organizzare il vostro viaggio in Cina in maniera autonoma.

Vengono presentate le difficoltà tipiche di un viaggio in Cina e sono dati suggerimenti utili a superarle e organizzare il viaggio in maniera efficiente risparmiando tempo e denaro.

L'articolo contiene inoltre consigli utili a concepire e organizzare gli itinerari di viaggio.

 

Tra le nazioni economicamente più prospere, la Cina è forse quella dove compiere un viaggio in autonomia richiede ancora una certa duttilità e determinazione ad affrontare difficoltà e problemi organizzativi. Non si tratta di nulla di insormontabile e non vi è nessun rischio a viaggiare in Cina da soli, essendo certamente la Cina uno dei paesi più sicuri al mondo.

Chi vuole essere dispensato da ogni sfida, scomodità, inconveniente e sforzo organizzativo può semplicemente affidarsi a una buona agenzia di viaggi. 

Se invece si vuole viaggiare in maniera indipendente occorre essere pronti ad affrontare un certo numero di difficoltà legate alle differenze culturali, alle grandi distanze e soprattutto alla barriera linguistica. Ciò vale soprattutto se si intende viaggiare lontano dalle destinazioni turistiche principali.

Viaggiare in Cina sta diventando sempre più facile in verità ma coloro che cercano l'avventura e la dimensione autentica del viaggio non mancheranno ancora oggi di trovare pane per i loro denti.

 

Mete imperdibili di un viaggio in Cina: Pechino, la Città Proibita
Pechino, Purpurea Città Proibita

 

Indice

 

Dove andare e cosa vedere in Cina: Suzhou
Suzhou, Giardino KeYuan

 

Perché fare un viaggio in Cina

La Cina è un paese bellissimo e una delle più antiche e grandiose civiltà della storia. All'estero, soprattutto in occidente, la conoscenza delle bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche della Terra di Mezzo è ancora piuttosto limitata tra il grande pubblico.

Per avere un'idea sommaria della ricchezza del patrimonio artistico e naturalistico cinese basti pensare che solo l'Italia supera la Cina per numero di beni classificati come Patrimonio dell'Umanità. La Cina è al secondo posto in classifica, a brevissima distanza dall'Italia.

La Cina esprime una grande civiltà che ha generato nel corso di millenni sapere, tradizioni e arti di altissimo valore culturale, filosofico, religioso ed estetico.

Un viaggio in Cina è un'esperienza di grande arricchimento interiore.

 

Viaggio in Cina fuori dei sentieri battuti: DuJiangYan, Sichuan
DuJiangYan, Sichuan, a breve distanza da Chengdu; sede di una delle più antiche opere di ingegneria idraulica al mondo

 

Quando viaggiare in Cina

La Cina è un paese molto grande e il clima varia sensibilmente da regione a regione. Si passa dal clima continentale delle regioni interne, con inverni lunghi e rigidi e marcate escursioni termiche diurne al clima subtropicale dell'Isola di HaiNan.

La primavera e l'autunno sono i periodi migliori per visitare la Cina orientale, ossia la parte del paese solitamente interessata dal primo viaggio nel paese.

 

In estate

L'estate è molto calda ovunque. L'umidità elevata può rendere la percezione del caldo particolarmente intensa. Notoriamente insopportabile il caldo afoso estivo a Pechino.

 

In inverno

L'inverno è molto rigido nella Cina settentrionale. In città come Pechino e Xi'An nevica spesso e le temperature scendono di molto sotto lo zero. Nelle regioni meridionali prossime all'oceano (GuangDong, GuangXi) gli inverni sono piuttosto miti.

Le regioni interne, dove il clima è continentale, presentano condizioni particolarmente inclementi in inverno. Un viaggio in queste aree richiede una preparazione specifica.

 

Clima continentale in Cina: YuLin
YuLin (榆林, provincia dello ShaanXi); la città si trova a breve distanza dalla Mongolia Interna. Il clima qui è di tipo continentale, con inverni molto rigidi e ampie escursioni termiche. Nella foto un tratto della Grande Muraglia Cinese visto dalla torre ZhenBeiTai (Epoca Ming). Alcune sezioni della muraglia in quest'area risalgono al lontano Periodo dei Regni Combattenti

 

Visto per la Cina

Il visto per la Cina può essere ottenuto presso qualunque paese che abbia relazioni diplomatiche con la Repubblica Popolare Cinese. 

In Italia è possibile ottenere i visti di ingresso in Cina presso due uffici a Roma e Milano. Per informazioni dettagliate e aggiornate vi rimandiamo ai siti ufficiali.

Chi compie un vasto viaggio nell'area dell'Asia Sud-Orientale può provare a ottenere il visto per la Cina a Hong Kong. I cittadini italiani ed europei possono entrare a Hong Kong senza la necessità di ottenere un visto di ingresso e soggiornarvi per 90 giorni. Si tenga comunque conto che un rifiuto del visto è sempre possibile. 

Per ogni informazione dettagliata e aggiornata, anche tenuto conto della variabilità delle procedure e dei requisiti, vi consigliamo di rivolgervi direttamente agli uffici deputati al rilascio dei visti per la Cina.

 

Esenzione dal visto: tra il 1 dicembre 2023 al 30 novembre 2024

Dal 1 dicembre 2023 al 30 novembre 2024 i cittadini italiani muniti di passaporto ordinario possono viaggiare in Cina per un massimo di 15 giorni per turismo, affari, visite a familiari e amici, transito senza necessità di ottenere un visto di ingresso.

Per maggiori informazioni consigliamo di consultare i canali ufficiali delle rappresentanze diplomatiche cinesi.

 

Risorse esterne: viaggiaresicuri.it.

 

Viaggio a Hong Kong: visita alle principali attrazioni
Hong Kong, regione amministrativa speciale della Repubblica Popolare Cinese

 

Ingresso senza visto per scali di meno di 72 e 144 ore

La Cina consente soggiorni in un certo numero di città (Pechino, Shanghai, Canton, Chengdu, Chongqing, Xi'An, Dalian, Shenyang, Harbin, Guilin, Kunming, Wuhan, Xiamen, Tianjin, Nanchino, Qingdao, Changsha, Hangzhou) di durata non superiore a 72 ore senza la necessità di ottenere un visto di ingresso.

E' inoltre possibile visitare alcune regioni con soggiorni di durata fino a 144 ore. Tra quelle di maggiore interesse turistico:

  • Regione del JingJinJi (京津冀), comprendente Pechino, Tianjin (Tientsin) e la Provincia dello HeBei (dove si trovano alcune delle sezioni più suggestive della Grande Muraglia Cinese);

  • Regione del Delta del Fiume Azzurro, comprendente Shanghai e le province di ZheJiang e JiangSu, dove si trovano città di grande rilievo storico e culturale come Hangzhou e Suzhou;

  • Provincia del GuangDong, dove sono Guangzhou, Shenzhen, DongGuan, FoShan e ZhuHai, in quella che è ormai un'unica enorme conurbazione.

Il beneficio del viaggio senza visto è concesso a un certo numero di condizioni che è bene verificare puntualmente attraverso i canali ufficiali prima di mettersi in viaggio.

Maggiori informazioni: Scali in Cina di 72 e 144 ore senza visto.

 

Aspetti organizzativi

Di seguito diamo indicazioni utili a chi intende organizzare il proprio viaggio in Cina in completa autonomia. Sono indicati i principali canali attraverso cui procedere alle necessarie prenotazioni.

 

Come raggiungere la Cina

Prenotare voli per la Cina non pone particolari difficoltà. E' possibile farlo utilizzando i siti delle compagnie aeree o tramite i maggiori portali internazionali secondo le modalità usuali.

Più complessa l'organizzazione di un viaggio con ingresso via terra.

 

Voli dall'Italia e dall'Europa

Volare a Pechino e Shanghai è molto spesso il modo più economico per raggiungere la Cina dai paesi europei. Da valutare anche altre destinazioni quali Chengdu, Guangzhou, Hangzhou, Shenzhen, Chongqing.

Chi proviene da altre nazioni nell'area dell'Asia Sudorientale può fare ingresso nella Cina continentale tramite Hong Kong e moltissimi altri aeroporti (Guilin, Kunming, Nanchino, Xi'An, Zhangjiajie).

 

Volare in Cina; aeroporti di ingresso: Hong Kong
Isola di Hong Kong

 

Cina: mappa schematica dei collegamenti ferroviari tra Hong Kong e Shenzhen
Mappa schematica dei collegamenti ferroviari tra Hong Kong e Shenzhen (Cina continentale); in evidenza la ferrovia ad alta velocità (GuangShenGang), la ferrovia ordinaria (Hung Hom - Canton) e le linee della metropolitana che collegano gli aeroporti e le maggiori stazioni ferroviarie delle due città

 

Voli dall'Asia Orientale e dal Sudest Asiatico

Provenendo dall'Asia Orientale si ha un maggior ventaglio di possibilità per raggiungere la Cina. Numerosi anche i collegamenti a basso costo (ad esempio con voli per Hangzhou, Chengdu, Changsha, Nanchino, Kunming, solo per menzionare i maggiori aeroporti).

 

Approfondimenti:

 

Muoversi tra gli aeroporti e le città in Cina: Espresso Aeroportuale a Pechino
Aeroporto di Pechino-Capitale (PEK); muoversi tra gli aeroporti e i centri delle città in Cina è piuttosto facile. Solitamente sono disponibili collegamenti ferroviari molto frequenti ed economici

 

Dai maggiori aeroporti alle città: 

 

Raggiungere la Cina via terra

Il viaggio via terra richiede una preparazione accurata. Oltre a procurarsi il visto di ingresso preventivamente, occorre verificare presso le rappresentanze diplomatiche cinesi che l'itinerario previsto sia consentito.

Occorre tenere conto del fatto che alcuni confini sono chiusi ai cittadini di paesi terzi (ossia non aventi la nazionalità cinese o quella del paese di transito). 

Molto comune l'ingresso attraverso il Vietnam e il Lao. Chi viaggia lungo la ferrovia transiberiana può entrare dalla Mongolia (arrivo a Pechino) o dalla Russia (arrivo in Manciuria).

 

Come raggiungere la Cina via terra: dal Vietnam attraverso il Passo dell'Amicizia (友谊关)
Confine tra Vietnam e Cina presso il Passo dell'Amicizia (友谊关口岸, YouYiGuan KouAn); è la via solitamente usata da chi vuole raggiungere la Terra di Mezzo a partire da Hanoi, la capitale del Vietnam. L'itinerario permette di attraversare interessanti paesaggi montuosi. Il viaggio in autobus tra Hanoi e Nanning (capoluogo della Regione autonoma del GuangXi Zhuang) dura 8-10 ore

 

Voli interni

Se si tratta di prenotare voli interni, soprattutto quelli diretti verso località secondarie, l'uso di molti dei maggiori portali internazionali potrebbe non convenire ed è consigliato ricorrere ad agenzie e portali cinesi.

Il nostro consiglio è quello di fare numerosi confronti tra diversi siti. Buono Baolau.com. Questo portale ha una versione in lingua spagnola e inglese e accetta le carte di credito comunemente usate in Europa.

Chi è residente in Cina, ha un conto corrente cinese, un numero di telefono cinese e naturalmente sa leggere il cinese, può prenotare tramite il sito Qunar.com (去哪儿).

 

Voli interni in Cina: Aeroporto di Shenzhen-Bao'An
Aeroporto internazionale di Shenzhen-Bao'An; offre un'alternativa economica ai voli nazionali con partenza da Hong Kong

 

Ricerca e prenotazione dei treni

Il treno offre il modo più affascinante di viaggiare. Oltre ai lunghi e interessanti viaggi sui treni della rete ordinaria si possono utilizzare i treni della estesissima rete ad alta velocità.

A seconda delle relazioni, su distanze superiori ai 500-700 km è spesso conveniente il viaggio in aereo (sia in termini di tempo sia in termini di risparmio di denaro, purché si prenoti in anticipo).

 

Viaggiare in treno in Cina: Stazione di Pechino Sud; treni ad alta velocità
Stazione di Pechino Sud; da qui partono molti dei treni ad alta velocità diretti verso il centro e il sud del paese; le città più grandi hanno numerose stazioni, spesso alquanto lontane dal centro

 

Come viaggiare in Cina: spostamenti in treno ad alta velocità; tempi di percorrenza e costi
Prospetto dei tempi di percorrenza e dei costi dei collegamenti in treno ad alta velocità tra le maggiori località turistiche della Cina centro-orientale

 

Approfondimenti: Viaggiare in treno in Cina.

 

Come viaggiare in Cina: spostamenti in treno ad alta velocità e treno notturno; tempi di percorrenza e costi
Prospetto dei tempi di percorrenza e dei costi dei collegamenti in treno ad alta velocità e treno notturno a confronto per le relazioni tra Pechino, Xi'An, Shanghai, Guangzhou e Hong Kong. Il viaggio coi treni notturni su queste direttrici risulta spesso conveniente rispetto al viaggio in aereo

 

Biglietti dei treni

Treni in Cina

Sul sito www.trip.com è possibile consultare gli orari dei treni e procedere alla prenotazione dei biglietti per viaggi in tutta la Cina continentale.

 

 

 

Ricerca degli autobus

Spesso è necessario prenotare gli autobus sul posto. Raramente, quasi solo durante le festività nazionali, si incorre in difficoltà nella prenotazione. Trovare informazioni sugli orari degli autobus urbani ed extraurbani è a volte complicato. In genere gli orari pubblicati in rete sono solo in cinese.

Le corse in corriera sono molto frequenti ed economiche. Di contro, si tratta spesso di affrontare lunghi viaggi piuttosto stancanti.

 

Denaro e pagamenti

La valuta cinese è il Renminbi (人民币, RMB), chiamato anche “yuan” (元) o comunemente “kuai” (块). Il codice della valuta è CNY.

Come compiere i pagamenti in Cina: contante; banconote
Banconote cinesi
  • Cambio della valuta: valuta straniera può essere cambiata in yuan cinesi presso le principali banche del paese. Tra di esse le maggiori sono ZhongGuo YinHang (中国银行, Bank of China, BoC) e GongShang YinHang (工商银行, Industrial and commercial bank of China, ICBC). Le commissioni sono molto contenute (meno del 2%).

    Se si vogliono cambiare yuan cinesi in valuta straniera occorre recarsi presso le filiali di BoC. E' consigliabile rivolgersi alle filiali principali della città in cui ci si trova; quelle periferiche spesso non effettuano il servizio con prontezza;

  • Prelievo da sportelli automatici: prelevare denaro dai numerosissimi bancomat disponibili (自动取款机, indicati con la sigla ATM) non presenta in genere complicazioni. Portare con sé una buona somma in contanti è comunque una giusta cautela.

    E' comunque consigliabile verificare presso la propria banca come e a quali condizioni è possibile ritirare denaro e compiere pagamenti in Cina prima di mettersi in viaggio.

 

Numero telefonico locale

E' possibile acquistare schede telefoniche locali con cui chiamare e connettersi alla rete. Sono disponibili piani telefonici espressamente concepiti per le esigenze del turista.

E' necessario avere con sé il passaporto al momento dell'acquisto o del ritiro della scheda.

  

Deposito dei bagagli

Presso le stazioni e i centri commerciali si trovano armadietti per il deposito dei bagagli. Le tariffe orarie sono molto contenute.

 

Uso del passaporto

Il passaporto, unico documento di identità riconosciuto, è da tenere sempre con sé. Controlli sono sempre possibili. E' inoltre necessario mostrare il documento per cambiare denaro, acquistare biglietti di treni e aerei , numeri di telefono locali, e anche solo per accedere alle stazioni. 

All'ingresso di molti musei e luoghi di interesse storico e culturale è richiesta l'esibizione del documento.

 

Uso del passaporto in Cina: Museo Nazionale della Cina (Pechino); per accedervi occorre avere con sé il documento di identità
Pechino, Museo Nazionale della Cina. L'ingresso è gratuito; necessario avere con sé il passaporto

 

Musei da vedere in Cina: il Museo di Shanghai
Museo di Shanghai; da visitare con calma in più giorni

 

Dove alloggiare in Cina

La scelta degli alloggi richiede particolare attenzione, soprattutto se non si conosce la lingua cinese. E' consigliato avere con sé dei biglietti recanti il nome del proprio albergo scritto in caratteri cinesi, soprattutto se si conta di muoversi in taxi.

Gran parte dei portali di prenotazione alberghiera riporta nome e indirizzo delle strutture anche in cinese. Molto spesso il nome "internazionale" di un albergo si discosta dalla traduzione letterale del nome in lingua locale.

Non tutti gli alberghi sono abilitati a ricevere ospiti stranieri. 

 

Qualità degli alloggi

Sebbene in miglioramento continuo, la qualità degli ostelli e degli alberghi va valutata con attenzione. L'ambito in cui è più facile imbattersi in strutture di scarsa qualità è quella degli alberghi di fascia medio-bassa.

Tra condizioni igieniche non perfette, servizi carenti e personale non qualificato, in molti alberghi di fascia medio-bassa si fanno spesso cattivi affari. Essenziale leggere quindi con cura le recensioni di ospiti che vi hanno già soggiornato.

Relativamente facile trovare ostelli di buona qualità (spesso gestiti da giovani coi quali è anche facile comunicare). Molti ostelli offrono anche camere private e sono quindi queste le strutture che consigliamo alle coppie che vogliono contenere i costi senza doversi accontentare in una sistemazione in dormitorio.

Tra gli alberghi di fascia alta si trova di tutto, dai grandi alberghi storici in stile locale a strutture di prestigiose catene internazionali.

Affascinante e istruttiva l'esperienza di pernottare in un monastero.

 

Dove dormire in Cina; esperienze da non perdere: pernottare in un monastero sul Monte Emeishan
Un monastero nel Sichuan

 

Quanto costa alloggiare in Cina

Diamo di seguito stime indicative per il costo del pernottamento in Cina (salvo che per gli ostelli, costi a camera, a notte):

  • Ostelli: 10 – 15 euro;

  • Alberghi di fascia economica: 25 - 40 euro;

  • Alberghi di fascia media: 40 - 80 euro;

  • Alberghi di fascia alta: oltre 150 euro.

I costi variano sensibilmente da città a città. Si spende di più a Hong Kong. 

Per soggiorni brevi è consigliabile prendere alloggio in zone accessibili, ben collegate alle stazioni e agli aeroporti e tali da garantire facilità e comodità negli itinerari turistici. Questo vale ovviamente soprattutto per chi intende risparmiare e conta di muoversi con i mezzi pubblici, che in Cina sono efficienti e molto economici.

 

A Pechino

I quartieri che a Pechino offrono la massima accessibilità e facilità negli spostamenti sono DongDan, QianMen e XiDan.

Chi ricerca un contesto gradevole può soggiornare a ShiChaHai, area scenica storica e culturale di grande fascino.

 

Alberghi a DongDan consigliati - Pechino centro-est

Per il rapporto qualità-prezzo:

Booking.com

A DongSi, per il contesto tradizionale:

Booking.com

In zona tranquilla ben servita, ostello con carattere:

Booking.com

Alberghi a ShiChaHai consigliati - Pechino centro

Per la bellezza del contesto:

Booking.com

 

A Xi'An

La scelta per Xi'An è molto semplice; una qualunque ubicazione all'interno della cinta muraria garantisce centralità e facilità negli spostamenti. La posizione ideale è lungo l'asse nord-sud, presso la linea della metropolitana rossa e vicino alla Torre dell'Orologio.

Comodo anche alloggiare a BeiLin (tra il centro e le pagode storiche).

 

Alberghi presso la Torre della Campana consigliati - Xi'An centro

Ostello e affittacamere:

Booking.com

Albergo di fascia media, per il rapporto qualità-prezzo e il livello di servizio:

Booking.com

 

A Shanghai

Alloggiare vicino a una fermata della linea 1 o 2 è la soluzione migliore per un breve soggiorno a Shanghai. Ideale la posizione offerta da Piazza del Popolo, nel centro della città.

Spostandosi verso est si incontra il suggestivo lungofiume del WaiTan (Bund), ideale per chi alla convenienza della posizione vuole unire il piacere di trovarsi nel centro della città storica.

Contesto tranquillo nella Ex concessione francese, nel distretto di XuHui.

 

Alberghi presso Piazza del Popolo consigliati - Shanghai centro

In pieno centro, albergo storico di carattere:

Booking.com

Vicino alla Città Vecchia, per il rapporto qualità-prezzo:

Booking.com

 

A Hangzhou e Suzhou

In entrambe le città il centro offre la migliore posizione dove prendere alloggio. Altre scelte sono possibili ma vanno valutate con cautela.

A Hangzhou consigliamo i dintorni della riva orientale del Lago Occidentale. 

A Suzhou consigliamo i dintorni della Via PingJiang.

 

A Hong Kong

Per brevi soggiorni (2-3 giorni) a Hong Kong consigliamo di prendere in considerazione l'area di Caolun e il quartiere di Sheung Wan (nell'Isola di Hong Kong). Queste aree sono in grado di soddisfare la maggioranza delle esigenze. I costi di alloggio a Hong Kong sono un po' alti.

 

Alberghi

Nella ricerca degli alloggi in Cina consigliamo di consultare anche il sito www.trip.com, che spesso propone le migliori offerte, soprattutto per quanto riguarda gli alberghi di fascia media e medio-alta. 

 

⇒  Ricerca degli alberghi  ⇐

 

Mangiare in Cina

La Cina vanta tradizioni culinarie che affondano le loro radici in millenni di scoperte e innovazioni maturate in un territorio vastissimo e molto vario per clima, economia e cultura.

La varietà negli ingredienti e nei metodi di preparazione è enorme, assolutamente sbalorditiva e probabilmente senza eguali al mondo. Presentarla come si deve eccede le nostre possibilità. Tutto ciò che ci preme dire è che finché non si è stati in Cina non si può neppure avere vaga idea della grandezza della cucina cinese e della sua salubrità.

La cucina cinese non è solo esercizio di geniale inventiva. E' anzitutto espressione di precise nozioni filosofiche che mirano al raggiungimento della perfetta armonia. Il cibo è medicina. Decisiva in questo senso l'influenza del taoismo

 

Mangiare in Cina: piatti tipici della cucina cinese
Piatti semplici della cucina cinese. Si troveranno stranezze solo se le si cercherà assiduamente. La grandissima maggioranza dei piatti della cucina cinese è in grado di risultare gustosa e gradevole anche ai meno avventurosi

 

Quella gastronomica è una delle esperienze di un viaggio in Cina più sorprendenti. A partire dal cibo da strada, gustoso ed economico, fino alla sofisticata cucina di Suzhou, è davvero difficile non incontrare qualcosa di proprio gusto che entusiasmerà e farà conoscere sapori, accostamenti e modi di vedere insospettabili.

Da non perdere un incontro con le grandi cucine regionali tra cui, secondo noi imperdibili, la cucina cantonese (粤菜, YueCai), la cucina dello Hunan (湘菜, XiangCai) e la cucina del Sichuan (川菜, ChuanCai).

 

Ristoranti in Cina: un noto ristorante a Changsha
Changsha (provincia dello Hunan); meta assolutamente imperdibile per chi ama il turismo gastronomico

 

Dolci in Cina
Dolci; tra i migliori modi per chiudere un pranzo ci sono delle zuppe dolci a base di frutta, semi, tofu, taro; particolarmente apprezzati anche all'estero i dolci di Taiwan

 

Cucina vegetariana

Anche grazie alla diffusa fede buddhista, la Cina vanta una ricca e variegata tradizione nella cucina vegetariana. Chi pensa che vegetariano sia sinonimo di blando e insapore non è mai stato in Cina.

E' piuttosto facile incontrare ristoranti vegetariani in Cina. Se si soggiorna presso monasteri buddhisti (ad esempio quando si visita il Monte Emei), ci si trova a mangiare cibo vegetariano.

 

Ristoranti vegetariani in Cina
Ristoranti vegetariani a Chengdu, Hong Kong e Shenzhen

 

Sicurezza

Il paese è molto sicuro, anche per le donne che viaggiano da sole. Molto raro il crimine violento ma il turista un po' incauto potrebbe incorrere in piccole truffe. Queste possono essere evitate esercitando buonsenso e un minimo di prudenza.

 

La truffa del tè

Le truffe più comuni seguono in diversi contesti il copione della cosiddetta truffa del tè. Il malcapitato viene avvicinato con diversi pretesti e invitato a raggiungere una casa da tè dove degustare diverse varietà della preziosa bevanda. Alla fine viene presentato un conto esorbitante.

La truffa è spesso condotta con grande abilità e a volte da persone del tutto insospettabili (non la giovane avvenente bensì gruppi di studenti o affabili persone di mezza età).

Sovente viene persino mostrato in anticipo il menù con prezzi gonfiati e in nessun momento il malcapitato viene messo di fronte a scelte obbligate. Il tutto fluisce con tale naturalezza che solo al momento della presentazione del conto si nutrono dubbi su dove si sia arrivati.

Va anche detto che poiché il tè in Cina può realmente essere molto costoso, il turista ignaro non ha neppure modo di comprendere se un conto sia inappropriato o meno e men che meno reale possibilità di fare contestazioni. I truffatori, oggi più rari che in passato, frequentano aree turistiche come Piazza del Popolo a Shanghai e Piazza Tian'AnMen a Pechino.

 

Viaggio in Cina: Hangzhou, visita al Museo Nazionale del Tè (中国茶叶博物馆)
Hangzhou; nelle Colline di LongJing sono celebri piantagioni di una varietà di tè molto pregiata. Possibile compiere degustazioni anche presso il Museo Nazionale del Tè

 

Uso dei taxi

E' consigliato utilizzare solo taxi con licenza. Questa è in mostra all'interno della vettura. Sconsigliato ricorrere a taxi improvvisati, le cosiddette "auto nere" (黑车).

Se si sceglie di concordare una tariffa fissa, conviene farlo in anticipo e annotare su un foglio di carta la cifra pattuita.

Se invece si accetta di usare il tassametro (scelta consigliata), è bene tenerlo d'occhio. Se pare che giri troppo velocemente, tutto quello che si deve fare è chiedere di scendere immediatamente.

 

Assicurazione sanitaria

Nelle maggiori città esistono strutture sanitarie all'avanguardia. I costi delle prestazioni sono piuttosto contenuti ma chi vuole viaggiare senza preoccupazioni può scegliere di stipulare un'assicurazione sanitaria.

 

Risoluzione delle controversie

E' abbastanza difficile imbattersi in persone disoneste. Precauzioni di buonsenso, come il chiedere in anticipo il prezzo di un qualunque servizio (e annotarlo), sono sufficienti a evitare malintesi. 

Quando sorge una controversia, è consigliabile mantenere la calma. Avere atteggiamenti aggressivi, soprattutto davanti ad altri, non farebbe che peggiorare le cose poiché la controparte lo interpreterebbe come un tentativo di fargli perdere la faccia. 

Per risolvere il problema è utile coinvolgere un'altra persona del luogo, col pretesto che questi faccia da traduttore. Questi sentirà le due campane e di solito farà in modo di trovare una via di uscita che salvi la faccia di entrambe le parti. Il pragmatismo è un tratto della personalità dei cinesi che in questi casi viene sempre in aiuto.

 

Difficoltà di un viaggio in Cina

Quando si inizia ad accarezzare l'idea di un viaggio in Cina ci si chiede spesso se sia possibile organizzare tutto da sé. La risposta è affermativa con un numero di riserve. Rispetto al passato oggi è molto più facile viaggiare in Cina e i viaggiatori più consumati non avranno alcun problema.

Chi non ha mai messo piede fuori dall'Europa troverà invece un certo numero di difficoltà. La Cina del resto non è per tutti, specialmente per chi è alla ricerca di una mera vacanza all'insegna di divertimenti e svago.

Di seguito elenchiamo le principali difficoltà che si possono incontrare durante un viaggio in Cina.

 

Comunicare

Dove andare in Cina: Monte QingCheng
Monte QingCheng

In Cina si parla cinese, una lingua che non ha nulla in comune con le lingue europee e con buona parte delle stesse lingue dell'Asia Orientale. Chi non ha mai studiato il mandarino non saprà neppure capire una semplice parola poiché la scrittura non è alfabetica bensì ideografica. Ciò significa che se non si conosce già una parola non si può neppure avere un'idea approssimativa di come si pronunci. Concretamente nell'ambito di un viaggio ciò pone difficoltà quando si tratta di leggere insegne e mappe. Di seguito indichiamo come affrontare questo problema.

Sono comunque sempre di più i cinesi che conoscono almeno una lingua straniera (soprattutto l'inglese) ma ancora oggi può essere difficile comunicare. Studenti e giovani in genere sanno parlare inglese mentre adulti e anziani, specialmente al di fuori delle grandi città, parlano solo cinese e spesso lingue e dialetti incomprensibili anche a chi conosce il mandarino.

 

Leggere mappe e insegne

Mappe e insegne con traduzioni in lingua straniera (in genere inglese, giapponese, coreano e molto più raramente altre lingue europee) si vanno diffondendo ma capiterà sempre di trovarne alcune solo in cinese.

Anche avendo a disposizione un dizionario o un traduttore, sarà difficile leggere una mappa o un'insegna, foss'anche per riconoscere una sola parola.

Armarsi di santa pazienza e mettersi a disegnare sommariamente i caratteri da tradurre con un'applicazione per telefono (ad esempio Pleco) consentirà in molti casi di trarsi di impaccio nella lettura di una insegna o di una mappa. Non è difficile ma occorre pazienza e un po' di spirito di adattamento.

Nel nostro sito molti nomi di località cinesi sono scritti in pinyin (il sistema di traslitterazione del mandarino in caratteri latini, comprensivo dei toni, che permette di sapere come si pronuncia una parola) nonché in ideogrammi.

 

Cosa fare in Cina: scalata del Monte Huashan
Monte Hua (HuaShan)

 

Connessione alla rete

Connettersi alla rete è facile. La velocità tuttavia non è sempre ottimale. Abbonamenti telefonici di breve durata con piani dati sono piuttosto economici.

Come noto, in Cina è interdetta la navigazione su un certo numero di siti. Tra questi noti motori di ricerca e “reti sociali” ritenuti responsabili di partecipare attivamente ad azioni ostili da parte di paesi terzi.

Problemi si possono anche incontrare nell'utilizzo della posta elettronica. In questo caso può essere il vostro fornitore (in Italia) a non consentire il pieno utilizzo della vostra casella di posta in Cina. Ad esempio, potreste essere in grado di aprire la vostra posta e leggere i messaggi ricevuti ma potreste non poter mandare messaggi dalla Cina. 

Esistono strumenti che permettono di aggirare i blocchi ma non è ben chiaro quale sia la disciplina in merito e quali le possibili sanzioni per i trasgressori. 

Una scelta di buonsenso può essere quella di cogliere l'occasione del viaggio per vivere a pieno un'esperienza di completa immersione in una realtà diversa, lontano da consuetudini e abitudini che ormai sono diventate invasive.

Per la messaggistica istantanea si possono usare programmi e applicazioni come WeiXin (微信, Wechat) o QQ. 

 

 

Evitare le folle

Per non vedersi rovinato il viaggio è indispensabile evitare quanto possibile i grandi assembramenti. Chi è stato a Venezia ha bene in mente quanto trovarsi intrappolati in mezzo a torme di turisti possa rendere scomodo, dispersivo e finanche sgradevole anche la visita ai luoghi più belli.

 

Consigli per evitare i grandi affollamenti

  • Evitare di viaggiare nei periodi di massima affluenza : totalmente impraticabile quindi viaggiare in Cina durante le feste nazionali (prima settimana di ottobre, primo maggio e capodanno cinese);

  • Scegliere con cura l'ora in cui raggiungere i luoghi da visitare: visite pomeridiane consentono spesso di evitare i grandi gruppi di turisti; ciò vale per siti come la Città Proibita, la Grande Muraglia Cinese, il Palazzo d'Estate;

  • Scegliere itinerari alternativi: quando si tratta di visitare siti molto estesi, una accurata scelta dell'itinerario di visita permette di evitare le grandi folle. Naturalmente la scelta deve tenere conto anche dell'orario di inizio e del tempo di visita.

 

Cosa vedere in Cina: la Grande Muraglia Cinese
Provincia dello HeBei; un bel tratto della Grande Muraglia Cinese, conservato nel rispetto dell'autenticità del luogo, disertato dalle folle anche durante un finesettimana di agosto

 

Grandi distanze

La Cina è un paese molto vasto e le grandi distanze rappresentano un aspetto che spiazza e disorienta molti viaggiatori. 

 

Distanze tra città

Tra le varie mete del viaggio possono esserci molte centinaia o alcune migliaia di chilometri. Nella maggior parte dei casi le distanze sono coperte da collegamenti in aereo o treno ad alta velocità e non occorrono quindi che poche ore per spostarsi da una località all'altra.

La Cina ha già oggi la rete ferroviaria ad alta velocità più estesa al mondo e la costruzione di nuove linee procede a ritmi rapidissimi secondo progetti ambiziosi al limite del titanico.

Anche alcune località minori dal punto di vista economico ma significative dal punto di vista turistico sono collegate alle reti ad alta velocità. E' il caso di alcune montagne come il Monte Taishan, il Monte Emeishan, il Monte Huangshan e il Monte Huashan.

Il peso delle distanze (ma per alcuni è questo il vero presupposto di un vero viaggio) si sente ancora quando ci si deve muovere nella parte occidentale della Cina. 

 

Montagne in Cina: TaiShan (泰山)
Monte Tai (TaiShan), la maggiore delle Cinque Grandi Montagne della Cina; antichissimo luogo di pellegrinaggio di straordinaria rilevanza religiosa, storica e culturale

 

Palazzo d'Estate a Pechino, un'attrazione distante dal centro della città
Pechino, Palazzo d'Estate (YiHeYuan), celebre sito scenico situato nel distretto di Hai Dian; a quasi un'ora di viaggio dal centro della capitale cinese. Una visita non superficiale al sito richiede non meno di mezza giornata

 

Distanze nei centri urbani

Un altro ambito in cui le distanze continuano ancora a pesare nell'organizzazione del viaggio è quello urbano. Le grandi città, soprattutto Pechino, Shanghai, Chongqing, Chengdu, Guangzhou, Shenzhen, sono agglomerati urbani immensi, talmente grandi da rendere a volte complicato orientarsi e pianificare gli itinerari di visita. 

Anche se le reti di trasporto urbano sono ben sviluppate, spostarsi da un capo all'altro di una grande città può richiedere ore. Occorre tenerne conto quando si pianifica la visita a una città.

 

Metropolitana in Cina: Stazione di ShiChaHai (Linea 8) a Pechino
Pechino, Stazione di ShiChaHai; la città dispone di una rete della metropolitana capillare e funzionale. Le corse sono molto economiche ma le distanze richiedono adeguata preparazione degli itinerari

 

Necessario dedicare del tempo a studiare le mappe delle reti della metropolitana per trovare i percorsi più rapidi. A Shenzhen, ad esempio, viaggiare con la linea della metropolitana ad alta velocità numero 11 consente di dimezzare il viaggio tra l'aeroporto e il centro rispetto all'utilizzo della Linea 1.

Le mappe delle reti di trasporto delle città cinesi sono aggiornate e complete spesso solo sui siti cinesi, come BaiDu (百度地图). 

 

Viaggiare in metropolitana in Cina: la Stazione di FuTian a Shenzhen
L'impressionante galleria della Stazione di FuTian a Shenzhen; sbagliare uscita può voler dire dover percorrere più di un chilometro a piedi

 

Come orientarsi

In Cina è molto comune riferirsi alle direzioni cardinali per dare indicazioni. Non solo sulle insegne di strade, ingressi, stazioni e cartelli stradali compaiono continuamente riferimenti ai punti cardinali ma anche un passante potrebbe dirvi che per raggiungere una determinata piazza o via dovete prima dirigervi a nord per poi svoltare a est a un determinato incrocio.

La Cina è quindi un buon posto per tornare ad alzare lo sguardo sull'orizzonte e guardare il Sole. E' questo del resto un ottimo esercizio di orientamento che va ben al di là dell'utilità nelle contingenze pratiche.

 

Per strada: precauzioni da osservare

Muoversi a piedi è interessante e spesso senza alternative. E' necessario tuttavia essere consapevoli del fatto che esiste un certo numero di pericoli che richiedono attenzione e cautele particolari. 

 

Come attraversare la strada

In Cina gli attraversamenti pedonali sono spesso ignorati ed è pericoloso affidarsi con fiducia alle strisce mentre si attraversa la strada. Guardate quindi bene a destra e a sinistra quando attraversate la strada.

 

Precedenze

In generale il codice della strada non è rispettato a dovere. Il più grande passa per primo. Questo criterio, per quanto “inurbano”, ha il vantaggio di consentire agevolmente di prevedere il comportamento altrui e di regolarsi di conseguenza.

 

Moto, motorini e tricicli

In Cina sono molto diffusi i motorini elettrici. Questi mezzi circolano ovunque, marciapiedi compresi, e possono quindi essere pericolosi anche perché sono estremamente silenziosi. Come se non bastasse, per evitare di consumare la carica delle batterie, alcuni guidatori tengono spenti i fari anche di sera.

E' bene quindi tenere gli occhi aperti.

 

Condizioni dell'ambiente

Anche se in miglioramento, le condizioni ambientali non sono sempre delle migliori. 

 

Inquinamento

La qualità dell'aria in alcune città cinesi è a volte scarsa. Il problema affligge soprattutto le città del nord del paese e sebbene siano stati messi in campo notevoli sforzi ai livelli più alti del governo ancora si registrano periodicamente elevati tassi di inquinamento atmosferico.

La situazione è comunque in continuo e rapido miglioramento, cosa confermata dai residenti stranieri di lungo corso.

E' possibile consultare mappe con indicazione aggiornata dei livelli di inquinamento atmosferico presso il seguente sito: Aqicn.

 

Inquinamento in Cina: il cielo a Xi'An
Un giorno di foschia a Sian (Xi'An)
Viaggio in Cina; luoghi da vedere: il Sito Archeologico del Palazzo DaMing
Xi'An, Sito archeologico del Palazzo DaMing. Residenza imperiale sotto la Dinastia Tang, era un complesso enorme (grande oltre 4 volte la Città Proibita di Pechino). La sua sontuosa architettura divenne modello in Cina e in paesi vicini come il Giappone e la Corea. Da non perdere la ricostruzione virtuale del Museo Nazionale della Cina a Pechino e l'esposizione sull'architettura Tang presso il Giardino di NamLian a Hong Kong

 

Senso di spaesamento

Chi viene da paesi come l'Italia può trovarsi spaesato in Cina. Al di là della barriera linguistica e delle distanze immense, un altro fattore che può creare disagio in qualcuno è la scarsa qualità dell'architettura moderna delle grandi città.

Grandi quartieri dormitorio dominati da gigantesche torri tutte uguali e prive di carattere colpiscono negativamente chi della Cina ha conosciuto e apprezzato la proverbiale ricerca dell'armonia in ogni aspetto della vita sociale e individuale e il raffinato genio artistico.

Non vogliamo assolutamente scoraggiare chi vuole visitare le grandi città. Abbondano ancora oggi luoghi di grande interesse artistico e culturale e se certamente sono lontani i tempi in cui Marco Polo riconobbe in Hangzhou una delle città più belle al mondo, rimangono ancora oggi perle di squisita bellezza e immenso valore culturale.

 

Cosa vedere in Cina: Hangzhou
Hangzhou, Lago Occidentale

 

E' comunque certo che in futuro grandi sforzi saranno compiuti per ridare alle città un'architettura più armoniosa, più radicata nell'identità dei luoghi e di maggior valore estetico.

La bellezza però oggi non si presenta da sola ma va ricercata, a volte faticosamente. E' questa del resto l'occasione per un approccio al viaggio diverso, più attivo e tipicamente orientale, che apre a un più maturo modo di osservare e apprezzare ciò che è intorno a noi.

 

Viaggio in treno in Cina: stazione ad alta velocità di Canton Sud
La sala delle partenze della stazione ad alta velocità di Guangzhou Sud durante un giorno festivo

 

Code e grandi assembramenti

Nel secondo paese più popoloso al mondo è naturalmente facile imbattersi in grandi folle, code chilometriche, ingorghi per strada, in stazione, in metropolitana e nei principali siti turistici, specialmente durante le festività locali.

Consigliabile evitare di viaggiare in Cina durante i periodi festivi. Ma d'altra parte, se ciò dovesse avvenire, buonsenso, spirito di adattamento e una oculata scelta delle destinazioni e dei tempi degli spostamenti basteranno a minimizzare disagi e situazioni spiacevoli.

 

Biciclette in condivisione nella città di Shenzhen; un buon modo per muoversi in Cina spendendo poco
Biciclette in condivisione presso l'enorme biblioteca del distretto di Bao'An a Shenzhen; in Cina quasi tutto è su scale impensabili per chi viene dall'Europa

 

Differenze culturali

Non è questa la sede per trattare un tema tanto vasto quale quello della cultura cinese e le differenze culturali tra Cina ed Europa. Del resto in Cina convivono oltre 50 popoli con anime, stili di vita e usanze a volte marcatamente diversi; i cambiamenti nel recente passato sono stati rapidi e spesso tumultuosi.

A chi deve trascorrere in Cina solo un periodo di tempo limitato alla durata di un viaggio basterà avere in mente una approssimativa ma utile chiave di lettura che permetta di interpretare molti dei comportamenti della popolazione locale, specialmente quelli meno vicini ai propri.

 

Buona educazione in Cina: norme per il consumo del tè
Elementi di galateo del tè in illustrazioni presso una casa da tè di Chengdu (Sichuan); la città è nota per lo stile di vita assai rilassato e gioviale

 

La Cina è un paese permeato dalla concezione del primato della comunità sull'individuo. Ciò non solo deriva da millenni di cultura confuciana bensì anche dalle evidenti necessità legate alla complessità della vita sociale ed economica di un paese tanto vasto e popoloso, che ha dovuto spesso chiamare all'unità per superare momenti difficili e respingere aggressioni e ingerenze.

In maniera simile a quanto accade nelle società europee tradizionali, l'individuo in Cina in certi ambiti gode di meno spazio rispetto al comune modo di sentire dell'occidente contemporaneo. Questa minore libertà di azione individuale è comunque intesa come premessa per una maggiore armonia sociale. In Cina è ancora ben chiara la differenza tra libertà e licenza. 

Viaggiare in Cina è un'occasione unica; non solo per imparare a conoscere questo paese bensì anche per uscire dalla propria bolla, mettere alla prova certezze, pregiudizi e idee ricevute e guadagnare punti di vista diversi, utili anche a vedere il proprio mondo sotto una luce nuova. Il punto di vista cinese raramente è ben conosciuto nel resto del mondo. Anche semplicemente conversando con uno straniero che vive in Cina da tempo, spesso appare chiaro che non di rado il paese è rappresentato in modo non accurato, a volte superficiale, a volte persino ingannevole.

Le norme di buona educazione in Cina sono tradizionalmente rigorose e improntate al rispetto dell'individuo e della comunità. A seguito della "Rivoluzione culturale" e con l'apertura alla società dei consumi, alcuni aspetti della tradizionale educazione e cortesia cinesi sono stati intaccati. Certi errori comunque sono stati riconosciuti e molto spesso rettificati. Ancora forte è l'enfasi data al culto degli antenati e ai valori della famiglia, molto sentiti e difesi.

La maggioranza dei cinesi è cordiale e accogliente. In campagna e fuori delle grandi città, lo straniero ancora incuriosisce e viene aiutato e considerato come un ospite di riguardo. Non di rado verrete invitati a cena.

 

Filosofia cinese: Monte QingCheng, citazione taoista
Monte QingCheng (QingChengShan), una delle Quattro Montagne Sacre al Taoismo; l'iscrizione recita "la via maestra è l'inazione", precetto taoista che invita ad abbandonare una prospettiva individualistica ed egocentrica per conformare pensiero e azione all'ordine dell'universo, perfetta espressione del Sacro; esso è anche un invito a evitare azioni contrarie alla natura. Su Filosofico una buona introduzione al taoismo

 

Scelta degli itinerari di viaggio in Cina

La Cina è immensa e ricca di località che meritano di essere visitate. Durante un viaggio di durata ordinaria (2-3 settimane) non si può che vedere una piccola parte dei tesori della Cina.

 

Itinerari di viaggio consigliati

Per tracce di itinerari di diversa durata si rimanda qui:

 

Dove andare e cosa vedere in Cina: la Grande Muraglia Cinese
Grande Muraglia Cinese (provincia dello Hebei)

 

Criteri e vincoli per la scelta dell'itinerario

Nella scelta dell'itinerario di viaggio in Cina consigliamo di prendere in considerazione i seguenti criteri guida:

  1. Tipo di esperienza di viaggio

  2. Mete imperdibili

  3. Prossimità geografica

  4. Durata minima dei soggiorni

  5. Periodo stagionale

  6. Costi

  7. Scelta tra viaggio fai da te e viaggio organizzato

 

1) Tipo di esperienza di viaggio

Che tipo di esperienza si vuole ricavare dal viaggio in Cina? Il nostro consiglio è porsi questa domanda prima di passare alla scelta delle mete da visitare durante il viaggio.

La varietà delle esigenze e degli stili di viaggio influirà non solo sulla scelta delle mete da includere nell'itinerario bensì anche sulle modalità di spostamento, i tempi di visita, le attività e le escursioni da compiere.

La Cina vanta un'offerta turistica eccezionale per varietà e importanza ed è inoltre uno scenario ideale tanto per chi cerca una vacanza avventurosa uscendo fuori dai sentieri battuti quanto per chi ama la tranquillità e le scoperte culturali.

Le testimonianze di una delle civiltà più antiche e influenti, una Natura sovrana che si esprime in una moltitudine di paesaggi, una gastronomia ricchissima per varietà, salubrità e inventiva, un immenso patrimonio di tradizioni e costumi caratteristici; questi sono solo alcuni dei temi guida di un viaggio in Cina.

 

Chi è interessato alla cultura della Cina classica non può mancare di dedicare molto tempo alla visita di Pechino, Xi'An, Hangzhou e Suzhou e può scegliere di includere nel viaggio anche destinazioni come PingYao, LiJiang, Dali. 

Gli appassionati della cultura antica e dei paesaggi montani non possono non visitare almeno una delle Montagne Sacre della Cina, scenari che solo melodie di ErHu e GuZheng possono tratteggiare.

Chi cerca la Cina moderna può visitare Shanghai o Shenzhen. Chi ama mangiare bene non dovrebbe mancare una visita a Guangzhou o Changsha.

Chi vuole uscire fuori dei sentieri battuti senza spingersi in terreni troppo ostici può visitare il Sichuan o lo Yunnan. A chi ama il mare consigliamo di visitare l'isola Hainan.

 

Cosa vedere in Cina: Chengdu; Centro di Ricerca per la Conservazione del Panda Gigante
Chengdu (Sichuan); Centro di Ricerca per la Conservazione del Panda Gigante; illustrazione della drammatica contrazione dell'areale del panda (oggi stabilizzata)

 

2) Mete imperdibili in Cina

Siamo dell'opinione che un viaggio in Cina, soprattutto se sarà il primo e unico, dovrebbe toccare almeno quattro località con differenti caratteristiche.

Se è il vostro primo viaggio in Cina, vi consigliamo di pianificare un itinerario che includa:

  • 1) una città storica (preferibilmente Pechino, Xi'An, Hangzhou e Suzhou);

  • 2) una cittadina tradizionale (ad esempio LiJiang, PingYao, FengHuang o WuZhen);

  • 3) una delle Montagne Sacre (le Cinque Grandi montagne, il Monte HuangShan);

  • 4) una delle aree di grande interesse paesaggistico (ad esempio Guilin, Jiuzhaigou, Wulingyuan, Wuyishan).

Dove andare e cosa vedere in Cina in 15-16 giorni: itinerario classico tra Pechino, Xi'An e dintorni di Shanghai
Un itinerario in Cina classico, adatto a viaggi di 15-16 giorni

 

Primo viaggio in Cina:

 

3) Prossimità geografica (distanze, facilità degli spostamenti in Cina)

La Cina è un paese molto grande e sebbene i collegamenti aerei e ferroviari siano molto capillari ed efficienti, spostarsi può richiedere molto tempo, soprattutto se ci si allontana dalle località principali.

Le distanze non devono scoraggiare né essere considerate un problema: in realtà percorrere lunghe distanze attraverso terre sconosciute è l'essenza del viaggio e la Cina è uno dei posti ideali per compiere quest'esperienza.

La prossimità geografica rappresenta comunque un fattore da tenere in conto quando si progetta un itinerario di viaggio in Cina. Le previsioni devono essere il più possibile accurate, soprattutto se si vuole viaggiare nella parte occidentale del paese.

 

Luoghi da visitare assolutamente in Cina: il Tempio del Cielo a Pechino
Pechino, Tempio del Cielo (TianTan), uno dei luoghi di culto più sacri della Cina. L'opera è una mirabile sintesi di nozioni cosmologiche di importanza capitale nella civiltà cinese

 

Cosa vedere a Xi'An e dintorni: il Sito archeologico dell'Esercito di Terracotta
Sito archeologico dell'Esercito di Terracotta, a breve distanza da Sian (Xi'An)

 

Giardini da visitare in Cina: il Giardino dell'Umile Amministratore a Suzhou
Suzhou, Giardino dell'Umile Amministratore

 

Luoghi da visitare a Hangzhou: il Tempio LingYin e dintorni
Hangzhou, sculture rupestri presso la Cima FeiLai, nell'area del Tempio del Ritiro dell'Anima (LingYinSi); risalente all'epoca della Dinastia Jin Orientale, è uno dei maggiori centri di irradiazione del Buddhismo in Cina. Il grande complesso templare, miracolosamente sopravvissuto alla ferocia della Rivoluzione Culturale custodisce capolavori dell'arte buddhista cinese

 

4) Durata minima dei soggiorni

Per aiutarvi a organizzare il vostro itinerario di viaggio in Cina, di seguito indichiamo quanti giorni si dovrebbero trascorrere nelle principali località turistiche del paese. Il tempo consigliato va inteso come quello minimo necessario a vedere i luoghi e le attrazioni più importanti delle varie località.

Se si ha poco tempo a disposizione, anche considerando il peso delle distanze, secondo noi è meglio cancellare la visita a una località piuttosto che vederla male e di fretta.

Ecco dunque i nostri consigli sulle durate minime della permanenza nella principali località della Cina:

  • Pechino: minimo 3 giorni (visita ai maggiori templi, ai palazzi storici e all'area scenica di ShiChaHai più un'escursione a MuTianYu o BaDaLing), consigliati 4-5 giorni per poter compiere escursioni a breve raggio (Grande Muraglia Cinese, Colline Profumate, Tombe Ming e Qing, villaggi, Tianjin);

  • Xi'An: minimo 2 giorni (visita alle grandi pagode storiche, città murata), consigliati 3-4 giorni per poter compiere escursioni a breve raggio (Monte Hua e Sito archeologico dell'Esercito di terracotta);

  • Suzhou: minimo 2 giorni (visita a 3-4 giardini classici, uno o due templi, le vie storiche del centro), consigliati 3-5 giorni per poter compiere escursioni a breve raggio (Wuzhen, TongLi);

  • Hangzhou: minimo 2 giorni (principali siti storici attorno al Lago Occidentale, visita ai maggiori templi, al Museo Nazionale del Tè e alle colline del tè), consigliati 3-5 giorni per poter compiere escursioni a breve raggio (Wuzhen e il "Lago delle Mille Isole", QianDaoHu);

  • Shanghai: minimo 2 giorni (visita alla città antica e moderna, imperdibile il Museo di Shanghai), consigliati 3-4 giorni per poter compiere una o due escursioni a breve raggio (PuTuoShan; città d'acqua);

  • Hong Kong: consigliati 3 giorni per vedere oltre al centro le regioni non urbane, le isole minori (Lamma, Lantau) e i Territori settentrionali;

  • Monte Hua (HuaShan): minimo 1 giorno (escursione da Xi'An); consigliati 2 giorni per poter compiere l'ascesa e la discesa a piedi ed esplorare tutte e cinque le vette;

  • Monte EMei (EMeiShan): minimo 2 giorni (pernottamento in loco necessario); consigliati 3 giorni per poter compiere l'ascesa e la discesa a piedi ed esplorare l'area; raccomandati 4 giorni per includere la visita a LeShan;

  • Monte QingCheng (QingChengShan): minimo 1 giorno (escursione da Chengdu); consigliati 2 giorni per poter compiere la visita ad entrambi i versanti della montagna; raccomandati 3 giorni per includere la visita a DuJiangYan;

  • Chengdu: minimo 2 giorni (visita ai templi storici e al Centro di Ricerca per la Conservazione del Panda Gigante), consigliati 3 giorni se si intende visitare il Monte QingCheng nell'ambito di un'escursione in giornata;

  • Monte Tai (TaiShan): minimo 1 giorno (escursione da Tai'An); consigliati 2 giorni per poter compiere l'ascesa e la discesa lungo due sentieri diversi e per vedere alba e tramonto; raccomandati 3 giorni per includere la visita a QuFu;

  • PingYao: minimo 1 giorno (durante il trasferimento tra Pechino e Xi'An, con pernottamento in loco);

  • Guangzhou: minimo 1 giorno (visita al centro e agli abitati tradizionali fuori del centro); necessari più di 2 giorni per escursioni nella provincia.

 

Viaggio in Cina: visita ai dintorni di Guilin
Dintorni di Guilin, Regione autonoma del Guangxi Zhuang, una terra affascinante dove convivono antichi popoli non appartenenti alla nazione Han

 

Cosa vedere a Hong Kong: l'Isola di Lamma
Hong Kong, Isola di Lamma

 

5) Periodo stagionale

La Cina ha un clima estremamente variabile da località a località e per organizzare gli itinerari di viaggio occorre avere nozione dell'andamento generale del clima nelle diverse regioni del paese nei vari periodi dell'anno. In generale, secondo noi, scegliere quando viaggiare in Cina ha senso solo se si vogliono visitare delle regioni dal clima particolarmente severo (alta montagna, regioni continentali, isole).

Volendo dare un'indicazione di massima, si può dire che i migliori periodi per viaggiare in Cina sono l'autunno e la primavera. In generale in queste stagioni le temperature sono miti e il tempo gradevole.

Come anticipato, occorre avere cura di evitare le festività nazionali per non doversi trovare tra folle oceaniche. Da evitare anzitutto la prima settimana di ottobre e il Capodanno Cinese.

 

Clima in Cina: l'Emeishan nella neve
Monte Emei

 

Periodi migliori per visitare le località balneari (evitare le piogge):

  • Isola di Hainan: da novembre a luglio. Hainan beneficia di una particolare politica di esenzione dal visto di ingresso.

 

6) Costi di un viaggio in Cina

Se si viaggia con vincoli di spesa stringenti, le voci di costo che più pesano sul bilancio totale sono quelle relative alle escursioni e alle visite ai parchi nazionali. Piuttosto costosi anche gli spostamenti in treno ad alta velocità e le tratte aeree (se non prenotate in anticipo).

Di seguito riportiamo stime di massima del costo medio complessivo di un viaggio in Cina per chi non ha pressanti esigenze di contenimento della spesa né vuole concedersi lussi:

  • Viaggio di 1 settimana: 1.200-1.500 euro a persona;

  • Viaggio di 2 settimane: 1.600-2.100 euro a persona;

  • Viaggio di 3 settimane: 2.200-2.500 euro a persona.

Valutazioni molto più accurate per le singole voci di spesa con stime dei costi giornalieri e complessivi in base a tre livelli di spesa (fascia economica, media e alta) sono riportate nell'articolo seguente:

 

7) Viaggio fai da te e viaggio organizzato

La scelta dell'itinerario è condizionata anche dalla modalità di viaggio scelta. In generale un viaggio fai da te può permettere risparmi di denaro ma implica anche tempi di preparazione e imprevisti. In alcuni contesti, affidarsi a un'agenzia permette di contenere i costi.

La Cina è un paese sicuro. E' possibile quindi anche viaggiare in maniera indipendente, anche da soli.

Se si preferisce spendere di più pur di risparmiare tempo e minimizzare la possibilità di inconvenienti e disagi, allora è il caso di considerare l'ipotesi di affidarsi a un'agenzia di viaggi. Ciò è consigliato specialmente quando si vuole viaggiare fuori dei sentieri battuti e non si ha conoscenza del cinese.

 

Fare acquisti in Cina

In Cina si possono fare buoni acquisti. Che si sia alla ricerca di qualcosa di valore simbolico o di un oggetto di valore, si avrà l'imbarazzo della scelta su cosa comprare.

Nella scelte occorre tenere conto della difficoltà a riconoscere la qualità e il reale valore degli oggetti. Finché si acquistano piccoli oggetti di artigianato, si possono comprare cose belle o funzionali a poco prezzo. In questa categoria rientrano piccole creazioni in legno, ceramica, stampe, ventagli di uso quotidiano. 

Per acquisti importanti (porcellana, giada, antiquariato) è necessaria competenza in materia altrimenti si rischia di fare cattivi affari o addirittura subire truffe e raggiri. 

Chi cerca oggetti più pratici potrà scegliere dai prodotti dell'elettronica di consumo all'abbigliamento a prezzi stracciati. Il rischio di incorrere in falsi non è comunque trascurabile.

 

La contrattazione è d'obbligo presso mercati e negozi in contesto turistico. Non ha luogo invece presso negozi di alto livello e centri commerciali, in cui per lo meno si ha il vantaggio di avere buoni motivi per credere che il prezzo esposto o dichiarato corrisponda al reale valore delle merci.

 

Cosa comprare in Cina: il tè
Pechino, una sede di WuYuTai, rinomata catena di negozi di tè

 

Cosa comprare in Cina: francobolli raffiguranti dipinti
Francobolli in omaggio a Li Ke Ran, eminente pittore cinese del secolo scorso capace di coniugare tradizione e sensibilità moderna

Indice

 

 

Escursione privata al Monte Emei
Escursione privata al Monte Huashan
Trip.com